Generoso, giù il vecchio albergo

0
2444

Martedì 23 settembre i Municipi di Breggia e Castel S. Pietro hanno rilasciato la licenza per la posa della teleferica lunga 2,2 km che, montata tra la Vetta a Muggio, in località Casarno, in 10 minuti,  servirà per il trasporto del materiale necessario alla costruzione del nuovo albergo sulla cima del Monte Generoso, disegnato da Mario Botta, e in parte anche alla demolizione dell’edificio attuale, già iniziata da un paio di settimane.
Intanto il materiale viene portato a valle con il trenino fino a Capolago e qui trasferito sui camion per l’eliminazione.

 

Le macchine della teleferica sono arrivate mercoledì 24 in Ticino e nei prossimi giorni sarà messo a punto l’impianto. Durante l’estate sono state smontate le parti in materiale d’amianto, prese in consegna da una ditta autorizzata. Sul posto, spiegano il direttore della ferrovia Marco Bronzini e il direttore dei lavori ing. Luigi Brenni, ogni giorno lavorano una decina di operai dell’impresa, una parte per demolire le strutture in cemento armato, altri per smontare telai e serramenti, cui si aggiunge la manodopera della ferrovia per la gestione dei trasporti con il treno. Tutti fanno gli scongiuri affinché l’inverno arrivi il più tardi possibile, permettendo così qualche recupero del tempo perso nella primavera scorsa con il suo record di nevicate. Si va avanti alacremente anche con le procedure amministrative per lo scavo che condurrà in vetta l’elettricità e in basso la fognatura. La Ferrovia ha offerto al comune di Castel San Pietro la possibilità di utilizzare il medesimo scavo per condurre l’acqua potabile in Vetta. Il Piano cantonale prevede infatti che l’acqua non sia più condotta con l’acquedotto di Mendrisio, attraverso la Bellavista, ma dal versante di Muggio, utilizzando le sorgenti della Rovagina. L’acquedotto attuale è in cattive condizioni e la riparazione ha costi molto elevati. L’apertura della nuova struttura, annunciata lo scorso anno, proprio di questi tempi, per l’estate 2015, slitterà al 2016 inoltrato.