Il Chiasso vola in Terza

0
247
Marco Armati, presidente del FC Chiasso.

Il primo mattoncino è stato messo. Il Chiasso riparte e lo fa centrando la promozione in Terza Lega al primo colpo. Il primo passo per ridisegnare un futuro a tinte rossoblù nel calcio che conta. Non che fosse in dubbio, anzi. Il Chiasso guidato da Damiano Meroni aspettava solo la certezza matematica, arrivata una settimana fa. A 90’ dalla fine del campionato abbiamo stilato un primo bilancio con il presidente rossoblù Marco Armati.

Primo mattoncino messo. Quanta soddisfazione c’è?
“Ovviamente tanta! Dal profilo sportivo possiamo essere molto contenti: la squadra ha offerto un buon calcio, i ragazzi più giovani hanno avuto spazio e sono cresciuti giornata dopo giornata. Ora manca solo la ciliegina sulla torta: terminare al primo posto in classifica. Ecco perché la partita di domani, l’ultima della stagione, è molto importante per noi”.

È soddisfatto del primo Chiasso post ripartenza?
“Certamente. L’obiettivo sportivo è stato raggiunto con due giornate d’anticipo, qualcosa di tutt’altro che scontato, dal momento che il campionato è ripartito da zero nel girone di ritorno e considerando le diverse contendenti, tutte ben attrezzate, che ambivano alla promozione.
Anche l’obiettivo di riavvicinare la piazza al Club è stato raggiunto: ora tutto il popolo rossoblù si merita una bella festa domani al Riva IV, per un momento di giubilo finale che coinvolga la Prima squadra, il Settore giovanile con le rispettive famiglie e i tifosi tutti”.
Su mister Meroni cosa può dirci?
“Sapevamo di prendere uno dei massimi esperti del settore. Un allenatore, un formatore, un profondo conoscitore del calcio regionale e non solo… e un chiassese doc!
Con Damiano, e il resto dello staff, abbiamo aperto un nuovo ciclo a Chiasso, un ciclo che speriamo possa essere il più vincente ed emozionante possibile”.

Vincere non è mai scontato. Cosa ha detto, o dirà, ai ragazzi?
“In verità, parlo assai poco con la squadra. Ai ragazzi ho espresso però i miei più sinceri e profondi complimenti e ringraziamenti. Quest’anno avevano tutto da perdere, perché giocare per il Chiasso nel calcio regionale ti obbliga a vincere. C’è pressione. Checché se ne dica. Ma, come detto, non era affatto scontato andare a strappare punti su certi campi. Si meritano un plauso per questo. Ora arriva il meritato riposo, ma da metà luglio si ricomincia per un’altra sfida, ancora più accattivante”.

In Terza più derby e più battaglia, cosa vi aspettate?
“Già quest’anno il campionato di Terza Lega ha mostrato chiaramente che ci sono diverse realtà molto attrezzate e che possono legittimamente ambire alla promozione in Seconda, ma solo la migliore di tutte potrà festeggiare. Sarà quindi un campionato piuttosto complicato, che dovremo preparare in ogni singolo dettaglio, senza lasciare nulla al caso. Dovremo essere pressoché perfetti da ogni punto di vista. Detto questo, i derby momò sono sempre affascinanti poiché coinvolgono molta gente e creano un clima festoso. Sarà dura, ma siamo certi che ci sarà spazio anche per il divertimento”.
Tifosi, appassionati e sponsor sono invitati alla festa di fine stagione, che si terrà domani al Riva IV dalle 17.45 e potrebbe coincidere con la vittoria del campionato di Quarta Lega.
Alle 18, al Ristò Rossoblù, è previsto uno standing dinner in collaborazione con la Vecchia Osteria di Seseglio e il Bar Manhattan di Chiasso. I posti, limitati a 60 persone, si possono prenotare contattando lo 076 296.38.38. Dopo la partita, alle 20.30, la società offrirà invece un piatto di pasta ai tifosi prima di trasmettere la finale di Champions League tra Borussia Dortmund e Real Madrid.