ChiassoLetteraria, tutti i nomi

0
220

Conquista la maggiore età, ChiassoLetteraria, e nella sua 18esima edizione fortifica sinergie, irradia nuova luce sul territorio, ospita nuovi grandi nomi e promette una moltitudine di scoperte.
S’inaugurerà ufficialmente venerdì 3 maggio alle 18.30 allo Spazio Officina con un ospite altisonante: Javier Cercas, tra i massimi scrittori contemporanei, alla presenza del suo storico traduttore, Bruno Arpaia. Ma la manifestazione alzerà il sipario già dal 1° maggio con eventi collaterali.
Cominciamo dal nome: Pensieri selvaggi ispirato all’ossimoro, soltanto apparente, creato da Claude Lévi-Strauss. “Rimettere al centro il pensiero è importante” ha evidenziato Marco Galli, coordinatore di ChiassoLetteraria lunedì alla conferenza stampa di presentazione del programma. “In letteratura (le fiabe di Esopo, Kafka…) è frequente la declinazione uomo-natura e ci piaceva un ulteriore connessione tra gli esseri viventi e le altre specie, il contatto con la biodiversità, temi che toccano l’etica. Selvaggio da intendersi come libero. Il paradigma ci è sembrato foriero di riflessioni”. Il vicesindaco di Chiasso e capodicastero educazione e attività culturali, Davide Dosi, ha dal canto suo sottolineato che la Città è orgogliosa di sostenere questi festival “che chiamiamo culturali ma sono anche sociali, dal momento che muovono mondi e incontri”.

Trenta ospiti
Una trentina gli ospiti, tra cui nomi di respiro internazionale: la pluripremiata scrittrice e poeta brasiliana Micheliny Verunschk, che a Chiasso presenterà in anteprima Resta solo il fuoco in cui denuncia l’odio patriarcale contro le donne e il fanatismo religioso. I diritti umani saranno al centro dell’incontro in remoto con l’autrice e giornalista curda, Zehra Dogan, imprigonata per 2 anni e 9 mesi in Turchia solo per aver postato sui social un suo dipinto raffigurante Nusaybin dopo gli scontri tra le forze di sicurezza e gli insorti curdi. Altra autrice, la statunitense Rachel Yoder, il cui romanzo d’esordio, Nightbitch – Bestia di notte (2021), è stato nominato miglior libro dell’anno da Esquire e Vulture. Il tema degli esclusi sarà difeso a viva voce dalla scrittrice africana di lingua francese, Besssora, premio svizzero di letteratura 2024. Sebastiano Marvin ha illustrato dal canto suo i contenuti della “finestra di letteratura svizzera” che vedrà due incontri. Il primo, in collaborazione con la Casa della letteratura, con il gradito ritorno dell’argoviese Noëmi Lerch, ticinese di adozione, che presenterà in anteprima le traduzioni italiane Grit e le sue figlie (Casagrande) e Benvenuti nella valle delle lacrime (Sottoscala) in dialogo con la romanda Fanny Desarzens (Premio svizzero di letteratura 2023). Il secondo, in sinergia con Viceversa Letteratura, avrà ospti Douna Loup e Asa S. Hendry.
Tra gli autori italiani: Claudia Durastanti con il suo romanzo Missitalia e Nicola Gardini, scrittore, poeta e saggista, che presenterà l’inedito racconto-confessione La forza del contrario. Con Ovidio. Altri nomi: Giordano Meacci, autore de Il Cinghiale che uccise Liberty Valance, tra i finalisti del Premio Strega 2016; Laura Pugno, vincitrice del Campiello Selezione Letterati, poetessa, “la meno antropica delle autrici italiane” che presenterà il suo ultimo Noi senza mondo. Altra poesia con “Carta bianca” a Fabio Pusterla, che ospiterà le voci di Andrea De Alberti, Francesca Matteoni e Italo Testa. L’economista Christian Marazzi dialogherà invece con Marco Revelli, politologo, sociologo e attivista. Altro ospite di spicco, Luigi Zoia, psicanalista junghiano, che parlerà del suo saggio di imminente pubblicazione Narrare l’Italia. Letteratura e social, invece, con Ilenia Zodiaco. ChiassoLetteraria avvicinerà anche gli allievi delle Medie con un incontro con lo scrittore Davide Cerullo, ex camorrista, al centro di uno staordinario percorso di rinascita, che lo vede educatore a Scampia, quartiere popolare di Napoli; mentre Massimiliano Tappari proporrà due spettacoli per le scuole Elementari. I due ospiti presenzieranno pure al festival.
Ma l’evento letterario si aprirà con eventi collaterali. Il 1° maggio alle 20.30 con il film documentario Orlando, ma biograpghie politique, di Paul B. Preciado. Mentre giovedì 2 maggio alle 18 da via Bossi 11 al piazzale dello Spazio Officina, il sodalizio tra il festival e il progetto Le parole dell’umanità creato da Club Athena/Centro diurno OSC di Chiasso, Macondo, Ingrado, SOS Ticino e l’artista Benedetto Norcia: un percorso con tappa a targhe installate in città ispirate a pensieri di condivisione e consapevolezza. Interverranno i poeti Fabiano Alborghetti, Prisca Agustoni e il traduttore e attivista curdo Jamal Zandi.
Il 2 maggio il recital di flamenco Vincente Pradal canta i poeti di Spagna e d’altrove; il 3 maggio concerto Soya the cow “why only you”, il 4 maggio concerto Chiasso is a funky town. Il festival è gratuito, concerti e spettacoli a pagamento. Programma completo: www.chiassoletteraria.ch.