Martorana spinge il Mendrisio

0
240
Nella foto di Mattia Allevi, il ventiduenne esterno del Mendrisio, Matteo Martorana.

(r.v.) Prendete carta e penna e segnatelo in rosso sul calendario: tra poco meno di una settimana torna il Mendrisio al Comunale. L’appuntamento è delle grandi occasioni: sabato 24 febbraio la squadra di Amedeo Stefani riceverà la visita dell’Eschen Mauren nel giorno del ritorno alle competizioni ufficiali. L’entusiasmante campagna di mercato ha portato fiducia, autostima e consapevolezza nei propri mezzi. Grande attesa anche per il possibile esordio ufficiale di Mario Gavranovic al Comunale, davanti ai suoi nuovi tifosi che hanno prenotato in massa la maglia numero dieci biancorossonera. In attesa di ammirare da vicino le prodezze dell’ex nazionale, i tifosi momò si aggrappano alle certezze: quelle di Gibellini, Bini e Martorana, in grande spolvero durante il precampionato.

L’inverno del Mendrisio è praticamente giunto al termine. Dopo il convincente successo di giovedì scorso sul Basso Ceresio (2.a Lega) e il poker rifilato martedì sera al Coldrerio (3.a Lega) per 4-2, l’ultimo impegno per affinare i dettagli è quello in programma domani mattina (ore 11) al centro sportivo di Collina d’Oro nel triangolare con i padroni di casa (2.a Lega Interregionale) e il Castello (2.a Lega). L’incontro amichevole di tre giorni fa all’Adorna con il Coldrerio di Simone Snider combacia con la prima rete in maglia Mendrisio di Mario Gavranovic: il dieci ha mandato in vantaggio i suoi con una precisa punizione prima del sorpasso degli ospiti, raggiunti da Gibellini prima della pausa; Damo e Felici hanno completato l’opera nella ripresa.
A proposito dell’incontro amichevole di settimana scorsa, Damo e compagni si sono imposti con un secco 4-0 con la tripla firma di Riccardo Bini e il sigillo di Matteo Martorana. Con quest’ultimo, esterno classe 2002, abbiamo scambiato due chiacchiere tra aspettative, obiettivi e… regali di compleanno.

Matteo, come valuti la prima parte di stagione della tua squadra?
In modo molto positivo. Da subito mi sono trovato benissimo con il gruppo e con tutto l’ambiente Mendrisio. Sicuramente si può fare ancora meglio ed è quello che ho intenzione di fare nel girone di ritorno.

In estate ci hai svelato di puntare alla doppia cifra, con le quattro reti fin qui realizzate sei sulla buona strada?
La doppia cifra rimane un obiettivo personale, ma innanzitutto viene la squadra coi suoi obiettivi. Tutto il resto è qualcosa in più.
Mendrisio è ancora in corsa per la qualificazione in Coppa Svizzera grazie a una tua prodezza. Quanta voglia c’è di regalarsi ancora il tabellone principale?
Moltissima. Una piazza come Mendrisio merita di stare nel tabellone principale di Coppa e daremo tutto quello che abbiamo per tornarci.

Con i nuovi arrivi vi siete fatti più competitivi. Cosa portano al gruppo gli acquisti invernali?
Sono certo che i nuovi arrivati ci daranno una grossa mano e forniranno un contributo notevole al nostro cammino. In più, aspetto sempre importante, portano ulteriore competenza in una rosa che schiera davvero tanti giocatori esperti.

Manca poco al ritorno al Comunale. Come arrivate alla sfida con l’Eschen?
Siamo pronti e preparati. Abbiamo svolto un’ottima preparazione per arrivare prontissimi al 24 febbraio. Non c’è cosa più bella di riprendere davanti ai nostri tifosi, per di più nel giorno del mio 22esimo compleanno. Chissà, forse sarò io a fare un regalo a loro. Di sicuro mi piacerebbe tanto!