Stefano Cossu: “Possiamo fare grandi cose”

0
217
Stefano Cossu.

r.v.) Una delle piacevoli sorprese del Mendrisio, nella prima parte di stagione, porta il nome del centrale difensivo Stefano Cossu. Classe 2002 è arrivato al Comunale nella scorsa estate dal Lugano U21. Il 21enne è cresciuto partita dopo partita, garantendo solidità al reparto difensivo dei momò.

Giunto in punta di piedi, Cossu ha impiegato poco tempo per ritagliarsi uno spazio importante nell’undici titolare. “Il merito è di compagni e società. Mendrisio mi ha accolto benissimo fin da subito ed è stato per me naturale sentirmi a casa.
L’inizio, a onor del vero, è stato un po’ difficile. Provenendo da una Under 21, il passaggio in prima squadra è abissale. Le prime cinque o sei partite non ho trovato la necessaria continuità, ma con il passare delle settimane sono riuscito ad avere più minutaggio. In generale, i primi mesi a Mendrisio sono stati più che positivi”.

La squadra di Amedeo Stefani ha ripreso gli allenamenti lunedì scorso e domani (sabato con fischio d’inizio alle 13) è già in programma il primo test amichevole in casa del Paradiso di Giuseppe Sannino.
Si tratta della prima uscita del 2024 per i momò, al lavoro per consolidare la buona posizione di classifica al giro di boa.
“Sono molto soddisfatto – ci dice Cossu – del rendimento della squadra all’andata. Tenendo conto che abbiamo affrontato la categoria da neopromossi, i risultati sono davvero soddisfacenti. Anzi, la classifica non rispecchia appieno quello che abbiamo mostrato sul campo. In tutti gli incontri siamo riusciti a imporre il nostro modo di giocare. Abbiamo affrontato tutte le formazioni a viso aperto e alla pari. Il destino è nelle nostre mani”.

La carta d’identità del difensore ticinese non tradisca. Malgrado la giovane età, Cossu vanta già oltre quaranta presenze in Prima Lega e tre promozioni alle spalle. “Se mi guardo indietro, non pensavo di arrivare a quasi 22 anni con già tre promozioni conquistate. Sono consapevole di essere in piena crescita e di avere ampi margini di miglioramento. Giocare in Prima Lega mi permette di crescere sia come persona sia come giocatore. Sono grato al Mendrisio per le possibilità che mi sta dando”.

Il centrale difensivo si definisce “un difensore duttile, veloce e a cui piace impostare il gioco da dietro”.
Alla domanda: dove può arrivare la tua squadra? Cossu gioca con la scaramanzia. “Possiamo fare grandi cose. Siamo una squadra molto forte e unita. Dobbiamo pensare davvero a partita dopo partita. Io ci credo, ma non posso dirlo forte per scaramanzia (ride ndr)”.
“La coesione del gruppo, continua, è merito della dirigenza, dello staff e soprattutto dei tifosi. Penso che possiamo vantare il gruppo più nutrito di tifosi del nostro girone.
La squadra che mi ha colpito di più all’andata è lo YF Juventus. I suoi giocatori hanno molta qualità in campo ed esprimono un bel gioco”. Gli attaccanti più forti da marcare? “In molti hanno ottime qualità, ma i più forti del campionato li marco ogni settimana in allenamento”.

L’inverno del Mendrisio
La squadra di Amedeo Stefani sarà in campo domani per il primo test amichevole a Pian Scairolo in casa del Paradiso (alle 13 il fischio d’inizio).
Settimana prossima, sabato 27 gennaio, all’Adorna di Mendrisio sarà invece il turno della Under 19 del Team Ticino.