Il Mendrisio ritrova i 2 difensori

0
262

Sotto l’albero di Natale del FC Mendrisio ci sono due regali pronti da scartare. O meglio, già scartati con l’annuncio ufficiale sul profilo Instagram della società. E si tratta di due graditi ritorni al Comunale. Con l’inizio del 2024, infatti, torneranno a vestire la maglia biancorossonera i difensori Noël Kabamba e Alessandro Castellan. Il primo, volto notissimo a Mendrisio, è reduce dalle esperienze con Paradiso e Taverne. Il secondo torna “a casa” a distanza di sei mesi dopo una breve parentesi all’Arbedo.

“Finalmente torno a casa – ci dice Kabamba. Dopo qualche esperienza nel Luganese capace di regalarmi tante gioie, esperienze e amicizie, torno nella squadra del mio cuore, dove sono cresciuto e dove spero di terminare la carriera.
A Paradiso ho avuto la fortuna di incontrare persone fantastiche che mi hanno dato molto. Stagno e Sannino su tutti, ma soprattutto il mio grande amico Daniele Russo. Credo che per chi vive il calcio con passione trovare queste persone sia il regalo più bello. Mi sarebbe piaciuto tanto giocare ancora di fianco a Russo o giocare la sua ultima partita, ma sono contentissimo di essere tornato nel Magnifico Borgo”.

34 anni da poco compiuti, Kabamba torna al Comunale con 237 partite già disputate con il Mendrisio. “Sono innamorato di questa maglia. Sì, possiamo dire che è la mia seconda pelle. Questa squadra mi regala emozioni uniche. Non sono nato a Mendrisio, ma i tanti anni passati qui mi hanno aiutato nella vita. Penso agli ex direttori, presidenti, allenatori e compagni che mi hanno dato una mano a diventare la persona che sono oggi”.
237 presenze, dicevamo. Il secondo giocatore – alle spalle di Andrea Cataldo – ad aver indossato più volte la casacca del Mendrisio. È un grande motivo di orgoglio.
Pesa la responsabilità?
“Assolutamente no. Anzi, se possibile mi piacerebbe provare a diventare il giocatore con più presenze”.
C’è tanta felicità anche nelle parole di Castellan, protagonista della promozione dalla Seconda Lega Interregionale. “Sono tornato “a casa” in tutti i sensi. Qui mi hanno accolto in maniera speciale e abito praticamente attaccato allo stadio. Ho sempre mantenuto ottimi rapporti con alcuni compagni, con il mister e con la società.Mi aspetto un campionato stimolante e competitivo. Spero di dare il mio contributo per fare un buon girone di ritorno. Il ricordo più bello col Mendrisio è sicuramente la vittoria del campionato. Penso sia un traguardo meritato per la piazza locale, che merita una categoria come la Prima Lega. Ho seguito spesso la squadra e, quando potevo, andavo a vedere le partite”.

Insomma, in casa Mendrisio il Natale si festeggia in anticipo con due innesti nel reparto difensivo. Non faranno parte della rosa il difensore Tito Tarchini che ha deciso di appendere le scarpette al chiodo, il laterale Francesco Nicastri e il centrale Nicolò Dedionigi, passato di recente al Collina d’Oro.
Riccardo Vassalli