Percorsi femminili nelle Alpi

0
325

Incentrato sulle voci di donne appartenenti a generazioni, confessioni e ceti sociali diversi, il volume Women’s Voices. Echoes of Life Experiences in the Alps and the Plain (17th-19th Century) curato da Stefania Bianchi e Miriam Nicoli verrà presentato, nell’ambito di un incontro aperto al pubblico, sabato 28 ottobre alle 17 alla Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate.

Il libro (Alphil-Presses Universitaires Suisses, Neuchâtel, 2023) illustra un ventaglio di percorsi femminili nelle Alpi tra Antico Regime e primo Ottocento. Ponendo in rilievo vissuti complessi, emersi da una lettura delle fonti attenta al genere, i saggi illustrano come la migrazione abbia portato le donne ad assumersi ruoli di gestione e di rappresentanza, o a seguire i mariti nei loro percorsi anche di successo. All’interno del volume si ritrovano pure echi di vicende relative alla Valle di Muggio.
Emerge inoltre un’acculturazione diffusa che si intreccia con competenze e saperi condizionati da preconcetti biologici, giuridici, religiosi: si tratta di elementi che permeano le società poste sotto i riflettori, in cui i legami parentali, spirituali, clientelari sono prevaricanti nella scandita dicotomia sfera pubblica/sfera privata.
I contributi di Patrizia Audenino, Marco Bettassa, Stefania Bianchi, Camille Caparos, Marina Cavallera, Rolando Fasana, Madline Favre, Sandro Guzzi-Heeb, Aline Johner, Ernest Menolfi, Anne Montenach, Miriam Nicoli, Federica Re tratteggiano le trame di complesse reti sociali necessarie a sostenere le reciproche autonomie nonché le strategie del convivere e del sopravvivere. La vitalità delle protagoniste va a incrinare l’immagine di arretratezza e passività associata alle donne delle regioni di montagna.
La presentazione, come accennato, è prevista domani alle 17 negli spazi della Pinacoteca cantonale Giovanni Züst di Rancate. Dopo il saluto della direttrice Mariangela Agliati-Ruggia, prenderà la parola Yvonne Pesenti, presidente degli Archivi delle donne Ticino, che ha pubblicato saggi e realizzato documentari televisivi sulla storia delle donne. Alle 17.15 si aprirà il dialogo con le curatrici dell’opera Stefania Bianchi e Miriam Nicoli, entrambe storiche e ricercatrici. Alle 18.15 i presenti saranno invitati a una visita gratuita della mostra attualmente in corso Luigi Rossi (1853-1923). Artista europeo tra realtà e simbolo. Il pomeriggio si concluderà alle 19 con un aperitivo.