La danza parla con i luoghi

0
349

Quattro luoghi ticinesi, 6 artisti e artiste internazionali, 9 momenti di incontro. È alle porte Ticino in Danza, il festival/permanenza che dal 4 al 9 luglio prossimi attraverserà il territorio del Ticino con performances, workshop ed esperienze site-specific rivolte a tutte e a tutti.

Per una settimana 6 artisti e artiste provenienti da 5 paesi (Svizzera, Italia, Grecia, Germania e India) abiteranno il Mendrisiotto e si intrecceranno agli abitanti, alle loro storie e ai loro luoghi. Ogni artista porterà la propria esperienza e una proposta di coinvolgimento delle comunità locali.
L’intreccio tra artisti e abitanti è infatti al centro della visione del festival, che nasce e si sviluppa in tutti i suoi appuntamenti grazie alla sinergia con il territorio, costruita in più di 8 mesi di lavoro e cura delle relazioni.
Quattro i luoghi cuore del progetto, ognuno legato ad un giorno di festival e ad alcuni appuntamenti co-progettati insieme alle realtà locali:
– Mendrisio: la Città ospiterà l’evento di apertura di martedì 4 luglio alle 18.30 al Piazzale della Filanda, le due performances partecipative di venerdì 7 luglio al Chiostro dei Serviti (dalle 20 in poi) ideate dalle artiste greche Eleni Mylona e Polena Kolia Petersen e i laboratori di domenica 9 luglio (dalle 9 in Campagna Adorna) organizzati in collaborazione con il Raduno Nazionale Trattori d’Epoca e tenuti da Sophie Annen (Svizzera) e dagli artisti TiD.
– Casvegno (OSC): grazie alla collaborazione con lo SPAMM, Agorà e Club ’74, l’intera giornata di mercoledì 5 luglio avrà luogo al Quartiere di Casvegno e sarà occasione di incontro tra le e gli abitanti del Mendrisiotto e l’utenza interna al Quartiere. Tre gli appuntamenti della giornata: un laboratorio di scrittura creativa tenuto da Polena Kolia Petersen (dalle 10), un laboratorio di movimento tenuto da Sophie Annen (alle 15) e una jam di musica e danza condotta dal gruppo musica del Club ’74 e le/gli artisti TiD insieme (alle 17.30).
– Stabio: giovedì 6 luglio ci si sposterà in Piazza a Stabio dove, grazie alla collaborazione con l’Associazione La Lanterna, alle 18.30 avrà luogo “Tracce nascoste”, una camminata performativa condotta da Collettivo Kun (Italia) e Jan Möllmer (Germania) che esplora la memoria di luoghi scomparsi o ritrovati. Attraverso le leggende di Stabio ed i racconti degli anziani del paese, l’evento performativo esplorerà la dimensione della trasmissione orale e del passato in quanto traccia sbiadita che apre un potenziale immaginativo e narrativo.
– Chiasso: sabato 8 luglio, in collaborazione con Vivai Diffusi, dalle 10 avrà luogo a Chiasso l’ultimo incontro performativo composto da due proposte: “Caro amico di penna”, una performance collettiva partecipativa che prende spunto da una corrispondenza epistolare che l’artista greca Eleni Mylona ha avuto nei mesi scorsi con alcuni abitanti della zona, e ancora “Tracciando i venti” rituale di movimento che l’artista indiana Priiya Prethora condurrà ogni giorno del Festival, trasmettendo da un giorno all’altro gesti, posture e movenze delle esperienze performative generate da questa nona edizione di TiD.
“TiD intende essere un contenitore malleabile e sensibile ai processi artistici contemporanei ed alle possibili modalità di fruizione di chi riceve e sta all’altro capo della creazione artistica – spiega Alessia Della Casa, coordinatrice del Festival e dell’Associazione Veicolo Danza -. In ascolto del territorio, attraverso la danza contemporanea e l’arte performativa, TiD si fa veicolo di sinergie e collaborazioni che possano unire artisti/e ed abitanti in un processo comune di scoperta reciproca”.
Tutti gli eventi sono gratuiti e aperti al pubblico. Ticino in Danza è organizzato dall’Associazione Veicolo Danza e sostenuto dal fondo Swisslos, dai Comuni di Mendrisio, Stabio e Chiasso, le fondazioni Landis und Gyr, Oertli e Sis, e Banca Raiffeisen.
Partner del progetto sono Mendrisiotto Turismo, Museo Vincenzo Vela, Ente Sociopsichiatrico Cantonale, Vivai Diffusi, Associazione la Lanterna, Hotel Milano, La filanda, Raduno Nazionale di trattori d’Epoca.
Il programma completo è disponibile sul sito www.ticinoindanza.com.

I SEI ARTISTI

– Sophie Claire Annen
(Svizzera)
– Collettivo Kun (Italia)
– Eleni Mylona (Grecia)
– Jan Möllmer (Germania)
– Polena Kolia Petersen
(Grecia)
– Priiya Prethora
(India/Germania)