Tocca il 10° anno la Festa della Musica: a Mendrisio si vola… con i piccioni

0
345
Il cantante ticinese Dave De Vita.

Dal pomeriggio di oggi 23 giugno e fino alle prime luci dell’alba di domenica 25 giugno, a Mendrisio sarà la musica a tenere banco nella kermesse che quest’anno giunge alla sua decima edizione con un pubblico sempre più entusiasta. Stiamo parlando della Festa della Musica, manifestazione interamente gratuita, che è cresciuta negli anni sapendo conquistare un pubblico intergenerazionale grazie alla varietà dei generi musicali proposti. Sono oltre 200 gli artisti che si preparano ad esibirsi. Trentuno le band selezionate fra gruppi locali, svizzeri e provenienti dalla vicina Italia. Lo stretto legame con la Città quest’anno è sottolineato da una comunicazione che ruota attorno ad una problematica emersa di recente magari non di assoluta priorità e foriera di qualche facile sorriso ossia la proliferazione dei piccioni, come sottolinea ironicamente il presidente dell’Associazione Festa della Musica, Kilian Poli. La kermesse ha deciso di sostenere la “battaglia” della Città con lo slogan “Do not feed the pigeons” (non dare da mangiare ai piccioni). Si continua così a cavalcare l’attualità cittadina come è già avvenuto con l’hashtag #asfaltiamola lanciato nel 2019 a ridosso dell’evento affinché si completasse per tempo il riordino di Piazza del Ponte. La Piazza all’ombra della Chiesa parrocchiale (la vediamo nella foto) rimane il cuore pulsante della manifestazione che, in particolare nella giornata di sabato, si snoderà fra le vie del nucleo storico con oltre 35 concerti organizzati su 10 palchi. Con un attento lavoro di gestione delle finanze, per questa 10.ma edizione, il Comitato ha potuto riattivare una programmazione completa sul palco in Piazzetta Fontana e aggiungere all’offerta il nuovo Palco9cento animato dai dj di RadioGwen.

“Per noi questo è un grandissimo momento. Festeggiamo quest’anno la decima edizione” ha annunciato il presidente dell’Associazione Festa della Musica di Mendrisio, Kilian Poli. Da un’idea nata tra amici nel 2014, questa kermesse ha saputo evolvere e diventare uno degli eventi più grandi a Mendrisio e in Canton Ticino. Ci si aspetta un pubblico di 10mila persone sull’arco dei due giorni e sarà un’affluenza eterogenea con famiglie, con giovani e meno giovani.

Stasera dalle 18:
I concerti del venerdì si concentrano sul palco di Piazza del Ponte. Si annunciano il gruppo Freaky Audio Machine, gli ABC, il gruppo funk basilese Fraîche e le band Summit e Hugodada.

Sabato dalle 16.30
Dal tardo pomeriggio di sabato le note risuoneranno invece per tutto il nucleo storico sui palchi allestiti alla Filanda, in Corso Bello, in Piazzetta Fontana, nella Corte dei Pompieri e nella zona della Chiesa di San Giovanni. Sul filone della musica elettronica suonata live si esibiscono il duo zurighese Ikan Hyu, il terzetto italiano Sette AFK e un altro duo della Svizzera interna, i Digi Digi. Spazio poi alle sonorità più classiche come il pop proposto dal cantante ticinese Dave De Vita o dal gruppo milanese Le Tendenze. Un artista ticinese da tenere d’occhio è Matilde e potrà incuriosire lo spettacolo dell’artista milanese Chibo. La programmazione musicale offrirà anche atmosfere oniriche con i Bumblebees, i vodesi Antipods, Atwood e gli Yuna Hawks, senza contare le sonorità rock, punk e metal degli Snakes in my Head, Jaspers, Métro, Frank Atene e Noise in Myself. Completeranno il cartellone Tom Siddh ZonaSun, Deep Arte, Clèr & gli Zenabisso, Bohème, Fossa in a Mess e Twin Planet. Fra i gruppi più attesi i Mellow Mood, gruppo reggae italiano che negli ultimi 15 anni è diventato un punto di riferimento del genere in tutta Europa. La band chiuderà la programmazione di sabato notte in Piazza del Ponte.
All’apprezzato appuntamento con la musica popolare ci saranno invece il Gruppo Otello, i Canterini della Valle di Muggio e il Gruppo Canzoni e Costumi Ticinesi che animeranno la Corte dei Pompieri. Nella zona della Chiesa di San Giovanni dalle 16.30 si svilupperà il programma di musica classica a cura dell’Associazione Musica nel Mendrisiotto. Programma che culminerà con il concerto del Duo Kirsch al Chiostro dei Serviti.

Ristorazione a suon
di locali e Street Food
Otto i ristoranti che proporranno i loro menu nell’area coinvolta, ma non mancheranno neppure alcuni Food Truck e lo Street Food village in Largo Soldini. Una soluzione mista salutata con favore anche da Nadia Fontana Lupi, direttrice OTR Mendrisiotto e Basso Ceresio. Una collaborazione e convivenza fra le varie formule favorisce il successo della manifestazione.

Costi e volontari
Gli artisti si esibiscono a titolo volontario, così come senza compenso si impegnano i membri del Comitato e coloro che supportano gli organizzatori. La prima volta il costo della Festa era stato di 15 mila franchi. Ad oggi il costo supera gli 80mila franchi ed è coperto da sponsor pubblici e privati. “Il Comune crede nella manifestazione e siamo contenti di sostenerla in quanto piace e funziona” ha dichiarato Paolo Danielli, capo Dicastero Sport e Tempo libero della Città di Mendrisio.

Bicchieri green
Cercando di ridurre al minimo il proprio impatto ambientale, la Festa si propone quest’anno con i bicchieri riutilizzabili sposando i contenuti del progetto “Comune Zero rifiuti” promosso dalla Città e dall’ACSI.

Il finale sarà a Rancate
L’edizione si concluderà al Bar Enigma di Rancate con l’After. Sarà possibile raggiungere il locale grazie ad un bus navetta gratuito che partirà da Piazza del Ponte dalle 23.30 circa, con una fermata intermedia alla stazione FFS di Mendrisio.

www.festadellamusica.ch