Via i profughi da Arzo: “Pressione ancora alta”

0
345

“Siamo costantemente alla ricerca di nuove strutture. Alla fine le persone si sommano: quando la pressione è così alta, con gli ingressi ben superiori alle uscite, ogni nuovo arrivo va ad aggiungersi, accrescendo il bisogno di alloggi”. Così dichiara a l’Informatore, Renzo Zanini, capo dell’Ufficio dei richiedenti l’asilo e dei rifugiati del Canton Ticino, illustrando l’attuale situazione dei profughi. Intanto, ad Arzo, dopo quattro mesi di accoglienza, il 28 febbraio chiuderà La Perfetta. “La scadenza era già negli accordi”. Il sindaco di Chiasso, Bruno Arrigoni dichiara: “Se ci verrà richiesta per il prossimo inverno siamo senz’altro disponibili a entrare nel merito”.