Il futuro del distretto più inquinato della Svizzera

0
348

Io ho 23 anni e quando penso al mio futuro non sono tranquillissimo. La nostra generazione è da anni permeata da una totale perdita di valori e di speranza. Quello che vivremo insieme ai nostri figli e alle nostre figlie è ormai chiaro. Ci attendono estati torride. Ci attendono carenze idriche. Ci attendono crisi energetiche. Ci attendono carestie e migrazioni di massa. Ne abbiamo avuto tutte e tutti un assaggio di recente.
La nostra generazione raccoglierà questo frutto dall’albero della poca lungimiranza piantato dalle precedenti generazioni.
Il progetto PoLuMe e la corsia di sosta dei Tir a sud di Mendrisio sono gli ennesimi esempi che si inseriscono proprio in questo schema: pensare nel breve termine a soluzioni temporanee e palliative ben sapendo che non sono sostenibili e speculando su future innovazioni geniali che risolveranno tutti i mali di questo mondo.
Il traffico generato dall’attrattività dalla terza corsia, si riverserà nelle strade secondarie: i piccoli valichi di Arzo, Ligornetto, Novazzano, Vacallo e Brusino Arsizio, oltre che i valichi di Bizzarone, Stabio e Chiasso, verranno attraversati da migliaia di autoveicoli in più ogni giorno. Questo traffico, prima di raggiungere l’autostrada e la terza corsia, si riverserà nelle strade dei quartieri della Città di Mendrisio e dei Comuni del Mendrisiotto.
Il menu del DATEC testimonia chiaramente che la lungimiranza non viene servita tutti i giorni. Prima l’autostrada, poi (forse) la ferrovia. Prima la macchina, poi (forse) il treno. Prima la terza corsia dinamica, poi (forse) il completamento di AlpTransit a sud di Lugano.
Se tutto va bene, l’autostrada arriverebbe a compimento nel 2040. Eppure, entro il 2050 non potremo più permetterci di emettere un solo grammo di CO2 a livello globale. Ecco la lungimiranza.
Il traffico straborda, l’inquinamento ci soffoca e le strade hanno deturpato territori bellissimi. Non è aggiungendo corsie autostradali che si risolveranno questi problemi.
Quello che chiedo, quello che il Mendrisiotto vuole, è il rispetto che gli è dovuto. Non siamo né un parcheggio per camion, né un territorio sacrificabile ai progetti obsoleti dell’USTRA.
Noi giovani siamo stufi di vedere ipotecato il nostro futuro da scelte cieche e poco coraggiose.

Jacopo Scacchi
Consigliere comunale della Città di Mendrisio
Candidato al Gran Consiglio per i Verdi del Ticino