La SAV Vacallo non si ferma più

0
314
Nell'immagine i bambini gialloverdi durante la festa di Natale SAV (servizio a pagina 29).

SAV Vacallo: 84
Baden Basket 54: 78

Quinta vittoria di fila per la formazione di Walter Bernasconi, che dopo un balbettante inizio di campionato – una vittoria contro 3 sconfitte dopo quattro partite, complice anche il calendario con 3 trasferte su 4 – sta ora dimostrando un progresso costante in tutte le componenti del gioco.

Sabato al Palapenz è arrivato il Baden, che condivideva la terza posizione con Soletta e la stessa SAV. Una squadra esperta, tignosa, che da due settimane aveva potuto allineare un giocatore come il play Fekete, che fino a due anni fa militava ancora in serie A, e che sul campo ha dimostrato di poter giocare un ruolo importante in questo equilibratissimo campionato (6 squadre concentrate in 2 soli punti).
In casa SAV regnava una certa preoccupazione, considerata l’assenza di Corazzon – fuori fino a dopo le feste – e la disponibilità limitata di Pedro Paca sofferente per una fascite plantare. Preoccupazione più che legittima dunque, vista la consistenza, anche fisica, degli avversri, che da subito hanno attaccato la partita per imporre il loro modo di giocare.
La prima parte dell’incontro è stata comunque molto equilibrata, con la SAV sempre in vantaggio di pochi punti, anche grazie a buone trame offensive. La difesa, invece, in alcuni frangenti ha lasciato troppe transizioni all’attacco argoviese che, approfittando di queste lacune, ha messo a referto diversi facili canestri.
Alla pausa principale il tabellone segnava completa parità (34-34), ma con Simone Riva gravato di 3 falli.
Anche il terzo quarto si è rivelato equilibrato, con la SAV a condurre sempre di qualche punto, ma con Baden che non ha mollato un centimetro e che, con la bomba di Fekete sulla sirena, è passato per la prima volta in vantaggio sul 54-56 a fine quarto.
L’ultima frazione, a dir poco emozionante, ha visto i gialloverdi riprendere subito il vantaggio perso, portandosi fino al +8 sul 70-62 a 4 minuti dalla fine. Questo gap è stato scavato grazie a una difesa molto aggressiva e a un progressivo dominio ai rimbalzi che non hanno più permesso agli svizzerotedeschi secondi tiri. Purtroppo dopo il massimo vantaggio e conseguente time out dell’allenatore ospite, un parziale di 5-0 per Baden ha riportato sotto i padroni di casa, e di conseguenza anche coach Bernasconi si è visto costretto a chiedere di interrompere la partita immediatamente.
Palpitanti gli ultimi minuti di gioco, che hanno visto i gialloverdi condurre di 6 a 50’’ dalla sirena finale ma, a causa di una rimessa assegnata in modo errato agli ospiti e a un fallo fischiato contro Dotta a 18 secondi dal termine, il risultato è rimasto in bilico fino a quando un rimbalzo offensivo, con conseguente fallo per fermare il tempo, ha permesso di mettere la parola fine a questa emozionante contesa.

“Quella di oggi è una vittoria importante ha affermato coach Walter Bernasconi, sia dal punto di vista della classifica, sia e soprattutto direi, da quello della progressione di una squadra che, paradossalmente, non ha ancora disputato una partita con il suo organico al completo. Adesso ci aspettiamo un ulteriore salto di qualità anche da parte di quei giovani che, fino ad ora, hanno avuto meno spazio in campo, ma che, con il loro grande lavoro settimanale, stanno contribuendo a dare forma a questo nuovo gruppo che, nei prossimi anni, dovrà costituire lo zoccolo duro della società.
Ora ci aspettano due trasferte alla nostra portata, a Bienne e ad Allschwil. Due squadre che affronteremo sempre in formazione ridotta (domenica 11 mancheranno infatti Corazzon e Dotta), ma anche con una maggiore consapevolezza nei nostri mezzi. In ogni caso cercheremo di concludere questo 2022 in modo positivo e di festeggiare tutti assieme le feste natalizie”.

Hanno giocato: Krasniqi, Tessaro 4, Bassetti, Riva 14, Rossi, Trapletti, Plebani, Cavadini 17, Dotta 28, Pappalardo 19, Pedro Paca 2, Beltrami.