Espérance tra folk, rap e rock

0
272

Dopo due anni di pausa forzata, sabato 17 dicembre, si terrà, come sempre al Palapenz di Chiasso, la  17.a edizione di Espérance in musica, evento musicale a scopo benefico organizzato dall’Associazione aiuto e cooperazione tra Ticino e Indocina.

Sarà un’edizione di festa e di ripresa, in tutto e per tutto, con i The Vad Vuc che presenteranno ufficialmente dal vivo il loro nuovissimo Album Postumo, i Mercanti di liquore (già presenti nel 2007) che dopo 12 anni di inattività sono tornati in splendida forma, Mattak, il rapper ticinese più apprezzato del momento, e, ad aprire, i meravigliosi Ratatagnöl. Quella di quest’anno sarà un’edizione unica che segnerà la fine dell’evento nella forma che conosciamo. Il Palapenz non sarà disponibile per i prossimi anni ed il Comitato organizzatore ne approfitterà per studiare nuove potenziali formule per i futuri eventi benefici. Ma torniamo a sabato prossimo 17 dicembre: i cancelli del palazzetto dello sport di Chiasso si apriranno alle 19 per dare spazio alle tante organizzazioni umanitarie che presenteranno le loro rispettive attività con un mercatino benefico natalizio in cui regneranno prodotti, immagini e colori provenienti da ogni parte del mondo. Dalle 20 invece… spazio alla musica.

Dopo un 2022 a dir poco travagliato, finalmente i The Vad Vuc riprendono la loro corsa e si mostrano al pubblico come meglio non si poteva, ovvero presentando ufficialmente per la prima volta dal vivo il loro nuovissimo dissacrante Album Postumo. Da qui, quindi, l’unicità dello spettacolo che i The Vad Vuc stanno preparando per Espérance in musica, che, come al solito, si preannuncia trascinante e coinvolgente come pochi…

L’avventura invece dei Mercanti di liquore, già presenti a Chiasso nel 2007, è ripartita nel 2021. Il legame tra la band brianzola ed Espérance ACTI è sempre rimasto forte ed il comitato organizzatore non ha voluto perdere quest’occasione. Per cui, dopo 15 anni, Lorenzo Monguzzi torna al Palapenz con i suoi nuovi Mercanti di liquore ossia Nadir Giori al basso, Andrea Verga al banjo, mandolino e chitarra elettrica, Lorenzo Bonfanti alla batteria ed Elio Biffi (Pinguini Tattici Nucleari) alle tastiere.

Anche questa edizione sposerà il rap, quello di qualità, e lo farà con uno dei pochi artisti ticinesi che, negli anni, è riuscito a ritagliarsi un importante spazio anche al di fuori dal territorio elvetico. Chi? Mattia Falcone, in arte Mattak, classe 1994, che è considerato il rapper più influente nella Svizzera italiana. Il comitato di Espérance da alcuni anni gli “faceva il filo”, finalmente, sarà a Chiasso il 17 dicembre.  Ad aprire la 17.a edizione di Espérance in musica ci penseranno i Ratatagnöl, e lo faranno tra il pubblico, per coinvolgere e farsi coinvolgere al 100%, per incantare gli appassionati e conquistare i più timidi, quelli che solitamente stanno nelle retrovie e che questa volta non avranno scampo.

Si rinnova quindi la magia di Espérance in musica, grazie alle cui prime sedici edizioni sono stati raccolti fondi che hanno permesso all’associazione di costruire ben 14 scuole, 2 ponti in cemento, 50 pozzi d’acqua potabile ed 1 ambulatorio di medicina tradizionale nel Sud del Vietnam. Anche per quest’anno, quindi, una straordinaria proposta musicale, per una rassegna sempre più importante e “terapeutica”, che avrà inizio  – come detto – alle 19 al costo di 15 fr (no prevendita), il cui ricavato sarà interamente devoluto ad Espérance ACTI.