Le tante sfumature dell’oblio

0
293
Il Cinema Teatro di Chiasso

Nell’ambito della sua programmazione stagionale, il Cinema Teatro propone una rassegna cinematografica che ruota attorno al tema scelto come guida alla stagione 2022-2023 del Centro Culturale Chiasso, ossia oblio. Da questa domenica 13 novembre al 29 gennaio 2023, verranno proiettate in totale cinque pellicole, per cinque storie diverse che intendono presentare Le tante sfumature dell’oblio.
L’entrata è gratuita per gli abbonati della stagione teatrale del Cinema Teatro Chiasso, per i membri dell’Associazione Amici del Cinema Teatro e dell’Associazione Amici del m.a.x. museo.
Il fil rouge che unisce le varie iniziative del Centro Culturale Chiasso per la stagione 2022-2023, quello dell’oblio, è un soggetto affascinante per il cinema, in grado di ispirare decine di registi nella creazione di film drammatici, di azione, di fantascienza, thriller, nonché alcune divertenti commedie in cui la perdita di memoria conduce a situazioni paradossali e grottesche. La perdita di memoria può creare confusione, sgomento, disperazione; ma può anche aiutare a ricostruire un percorso che affini la capacità di vivere, quanto più pienamente e intensamente possibile, il presente, l’hic et nunc.
I film sono stati selezionati seguendo un criterio di varietà: di generi, di ambientazioni, di datazioni. Da Hitchcock a Pupi Avati, dal 1945 al 2020, da Londra all’Italia, passando per gli Stati Uniti. E l’oblio che sottende a ogni storia è dovuto a cause diverse: la malattia, una rimozione, un trauma, un inspiegabile oscuramento dell’immaginario collettivo. Alcuni dei film presentati in rassegna toccheranno una realtà dolorosa, ma è con un atteggiamento di fiducia che vengono sottoposti al pubblico. Il Cinema Teatro intende dare un’interpretazione personale del concetto di oblio, inteso come l’opportunità di abbandonare pessimismo e ansie per immergerci in una rigenerante, salvifica dimenticanza di tutto quanto ci ha resi e ci rende più fragili, più deboli, più vulnerabili. È giunto il momento di sancire la rinascita della speranza che si opponga alla sfiducia, dell’ottimismo che abbia la meglio sulla preoccupazione, di un atteggiamento d’apertura che renda la nostra mente e i nostri cuori più ricettivi alle cose belle.
La novità principale adottata con questa rassegna cinematografica consiste nel programmare e presentare i film per la prima volta di domenica pomeriggio alle 16: in questo modo gli spettatori possono fruire della variegata offerta del Centro Culturale Chiasso (come ad esempio, delle visite guidate al m.a.x. museo o allo Spazio Officina) e, alla fine della proiezione, gustare un aperitivo in teatro. L’esperienza culturale sarà così arricchita da uno epilogo conviviale, in cui le persone possano scambiarsi opinioni, chiacchierare, e passare piacevoli momenti.
Il programma si aprirà come detto domenica 13 novembre con Io ti salverò (1945), regia di Alfred Hitchcock. Domenica 4 dicembre sarà la volta di A proposito di Henry (1991) di Mike Nichols. Il terzo appuntamento è per domenica 15 gennaio ‘23, quando verrà proiettato Una sconfinata giovinezza (2010), regia di Pupi Avati. The Father – Nulla è come sembra (2020) di Florian Zeller è in cartellone il 22 gennaio. La rassegna verrà conclusa da Yesterday (2019) di Danny Boyle.
Ingrid Bergman e Gregory Peck sono i protagonisti del film che apre la rassegna questa domenica alle 16 al Cinema Teatro.