Una nuova serie tv scritta nel Mendrisiotto

0
360
Bild Play Suisse / Testo complementare con ots e su www.presseportal.ch/fr/nr/100014224?langid=4 / L' utilizzo di quest'immagine è gratuito per scopi redazionali. Pubblicazione sotto indicazione di fonte: "obs/SRG SSR/Play Suisse"

Una nuova serie tv ambientata a Basilea, ma scritta nel Mendrisiotto. Nella Svizzera tedesca, la commedia poliziesca in sei episodi Quasi detective, prodotta da SRF, è stata lanciata come la serie di punta per l’autunno. Basti pensare che a Basilea, domenica sera alle 20, le prime due puntate verranno proiettate per il pubblico su uno schermo gigante in Marktplatz.

In pochi immagineranno che i vari episodi siano stati in buona parte scritti in Ticino. Il duo di creatori – la sceneggiatrice di origine basilese Simone Schmid e il marito sceneggiatore e regista Francesco Rizzi – risiede infatti a Morbio Inferiore. Quasi detective (Die Beschatter) è la storia dell’ex poliziotto Leo Brand, spinto da necessità economiche a fondare una scuola per aspiranti investigatori. All’appello risponde un manipolo eterogeneo di disperati in cerca di riscatto. Insieme dovranno imparare a funzionare come una squadra per affrontare una serie di casi piuttosto bizzarri, le loro idiosincrasie personali e un oscuro segreto, sepolto nel passato di Leo. “Quasi detective è una storia sulla ricerca di un senso di appartenenza e sulle zone grigie fra diffidenza e lealtà; – dice Simone Schmid – a Zurigo ho vissuto per un periodo accanto a una scuola per detective e mi chiedevo ogni giorno chi potesse frequentarla e cosa si facesse lì dentro. Parlandone con Francesco, abbiamo iniziato a fantasticare e abbiamo deciso di collegare questa ambientazione con la nostra passione per le storie di personaggi cosiddetti “perdenti”, gli sfavoriti che hanno un credito aperto con la vita. Il secondo passo è stato quello di contattare un vero detective, Philipp Ryffel di Zurigo, che ci ha aperto le porte della sua agenzia”.
Tre anni fa il progetto aveva vinto un concorso indetto dalla SRF per sostituire la popolare serie de Il Becchino – Der Bestatter, chiusa dopo 7 stagioni nel 2019. La mescolanza di generi diversi e il particolare connubio fra umorismo e tensione hanno in seguito convinto il regista Michael Steiner (autore di grandi successi del cinema svizzero recente come Grounding o Wolkenbruch) a scegliere questo come primo suo progetto per la televisione.
Per chi volesse seguire le avventure di Leo Brand e della sua squadra, è possibile farlo a partire da domani sulla piattaforma Playsuisse e da domenica sera alle 22.50 su RsiLa1. Dopo aver presenziato ad alcune anteprime nella Svizzera tedesca, Francesco e Simone non saranno però in piazza a Basilea, domenica sera: “Abbiamo deciso di rimanere a Morbio per festeggiare la messa in onda con un po’ di amici”.