Tutto facile per il Mendrisio

0
386
Nella foto di Alessia Allevi un ispirato Mascazzini.

Dopo il turno di riposo i momò sono tornati in campo superando agevolmente per 2-0 tra le mura amiche il fanalino di coda Eschenbach, che rimane così sempre alla ricerca del primo successo in campionato. Mascazzini e compagni saranno impegnati domani alle 18 nell’insidiosa trasferta sul campo dell’Ibach, mai battuto la scorsa stagione.

Allo stadio Comunale il Mendrisio ha fornito una buona prestazione vincendo 2-0 contro il modesto Eschenbach. Dopo il fine settimana di riposo, i momò si sono presentati in campo con tanta energia e voglia di fare dominando sin da subito il fanalino di coda del quarto gruppo di Seconda Lega Interregionale. Nuovamente tra i titolari si è rivisto Tito Tarchini, con Alessandro Castellan che è quindi stato alzato sulla mediana, in un ruolo a lui più congeniale (come dichiarato da lui stesso nell’intervista pubblicata la settimana scorsa).
Pronti via e a farsi preferire sono stati sin da subito gli uomini di Amedeo Stefani, soprattutto con il trio offensivo composto da Stefano Gibellini, Numa Felici e Gabriele Mascazzini che si sono fatti pericolosi in più circostanze dalle parti del giovane Lehmann. Al 25’ è stata la traversa colpita su calcio di punizione a negare la gioia del gol, che all’ex giocatore del Melide manca ormai da cinque partite. Preludio, però, di quanto sarebbe avvenuto qualche minuto più tardi, perché da parte degli ospiti non c’è stata alcuna risposta e dunque su una magia di Mascazzini, particolarmente ispirato, è nato il cross che Paulin Damo ha insaccato con un’incornata trovando la sua prima rete in campionato e diventando così il nono marcatore diverso con la maglia bianconerorossa, sabato in versione solo rossa, di questa stagione. I lucernesi, frastornati da questa rete d’apertura trovata a pochi minuti dal termine del primo tempo, sono stati infilati ancora una volta, sempre di testa, ma questa volta da Gibellini, che ha concretizzato il secondo assist al bacio di giornata del numero 20. Rientrati dalla pausa, Antoine Rey e compagni hanno provato ancora qualche affondo senza però riuscire a trovare la terza marcatura, ma riuscendo comunque a gestire con facilità il risultato, anche perché l’unica sortita offensiva avversaria, avvenuta su recupero di una palla persa da Andrea Cataldo, non è stata sfruttata a porta sguarnita dall’attacante svizzerotedesco.
Nell’altro incontro di giornata si è disputata la sfida al vertice, nonché il derby, tra la capolista Zug 94 (con una partita in più) e il Cham II, che ha visto trionfare i primi con un netto 3-0.
Il Mendrisio, che rimane saldamente al secondo posto, domani sarà impegnato a Ibach contro una formazione già affrontata nella scorsa stagione, ma mai battuta: un pareggio a reti inviolate al Comunale e una sconfitta per 2-1 nella trasferta oltre Gottardo. A complicare i piani della formazione del Magnifico Borgo ci sarà anche il mancato apporto al reparto offensivo da parte del miglior marcatore della squadra, vale a dire Gibellini. L’attaccante italiano nella sfida con l’Eschenbach ha infatti ricevuto un’ammonizione per simulazione, la sua quarta in stagione, sinonimo di squalifica di un turno.

La classifica: 1. Zug 94* 25 punti; 2. Mendrisio 22; 3. Cham II 18; 4. Perlen-Buchrain 16; 5. Hergiswil 14; 6. Emmen 13; 7. Collina d’Oro 13; 8. Kickers Luzern* 13; 9. Ibach 12; 10. Gambarogno-Contone 12; 11. Ascona** 10; 12. Brunnen * 10; 13. Buochs 8; 14. Sursee 7; 15. Eschenbach* 1. *Una partita in più; **Una partita in meno.

SETTORE GIOVANILE:
All. C YL Mendrisio-Taverne: 2-1
All. B YL Bellinzona-Mendrisio: 10-1
All. A YL Insema-Mendrisio: 0-3

Sabato 29 ottobre, 17.30 All. C YL Rapid Lugano-Mendrisio
Domenica 16 ottobre, Adorna, 11.30 All. B YL Mendrisio-Bellinzona; 14.30 All. A YL Mendrisio-Insema.