Il Chiasso accorcia sulla vetta

0
475
Matteo Martorana sta diventando sempre più un fattore di questa squadra.

Poteva essere la settimana giusta per festeggiare i 117 anni di vita del club e al contempo scacciare sul campo i problemi finanziari che affliggono la società. Il Chiasso lo ha fatto solo per metà, andando a conquistare tre punti in due partite, ruolino di marcia che è comunque bastato per rimanere a contatto con le prime della classe.

Sabato al Riva IV gli uomini di Luigi Tirapelle, che vantano la seconda miglior difesa del campionato, sono riusciti a prendersi un’ottima vittoria per 2-0 contro il Lucerna II, formazione che sta impressionando in questo inizio di stagione e che attualmente occupa il primo posto della classifica di Promotion League a pari merito con l’Etoile Carouge. Le reti, nella sfida contro gli svizzerocentrali, sono state firmate da Seo Mattei, alla terza marcatura stagionale, e da Mattia Perissinotto, per la prima volta a segno in rossoblù.
Il turno infrasettimanale si è invece rivelato più indigesto per Rilind Nivokazi e compagni, che in casa del Rapperswil hanno offerto una prestazione meno arrembante rispetto alle quelle degli ultimi appuntamenti. Dal 22 agosto, successivamente quindi alle dimissioni presentato ai dirigenti del Bellinzona, sulla panchina dei sangallesi siede David Sesa, che fino ad ora ha svolto un ottimo lavoro portando i suoi al sesto posto, superando proprio il Chiasso mercoledì sera.
La vittoria per 1-0 dei biancorossi è maturata già nel primo tempo, quando, al 22’, un errore di lettura e di posizionamento difensivo della retroguardia momò ha permesso ai padroni di casa di mettere la testa avanti con Christian Konan. Da quel momento i rossoblù hanno tentato in diverse occasioni di cogliere almeno il meritato pareggio, ma più volte sono andati a sbattere sul capitano ed estremo difensore Diego Yanz.
Nonostante gli zero punti conquistati nel turno infrasettimanale, il Chiasso è comunque rimasto in scia alle migliori (è settimo a 5 lunghezze dalla vetta). La capolista Etoile Carouge sembra aver perso lo smacco delle prime giornate, nelle quali era andata a punti per nove volte consecutive (otto vittorie e un pareggio). Un unico punticino è il bottino raccolto dai romandi negli ultimi tre incontri, che questa domenica affronteranno la nona forza del campionato, il Cham. La truppa di Tirapelle dovrà invece vedersela questo sabato alle 16 al Riva IV con lo Zurigo II, in una sfida che pare alla loro portata.
In settimana si è invece tornati a parlare della situazione finanziaria della società, i cui problemi sono maggiormente legati alla vecchia proprietà. Ai microfoni della RSI ha parlato Simone Pillisio, in qualità di rappresentante di quella nuova: “La precedente proprietà non ha mai onorato le scadenze. Ci hanno proposto un saldo e stralcio (il pagamento di una parte della somma per la cancellazione del debito, ndr) in contropartita a ciò che ci devono, ma noi non abbiamo intenzione di accettare l’elemosina”. Pillisio si è pure chiesto come mai, dopo due anni di debiti per l’utilizzo del campo di calcio, il Comune di Chiasso si sia fatto avanti proprio ora con l’intimazione di un precetto esecutivo. La situazione finanziaria continua dunque a tenere banco, ma non solo. L’ex presidente rossoblù e capodicastero dello sport e tempo libero Davide Lurati ha infatti espresso un’ulteriore problema: “L’FC Chiasso ha sempre veicolato il nome della città, leggere di certi comportamenti durante le partite non ci fa piacere”.