Il Mendrisio torna in vetta

0
97
Nella foto di Alessia Allevi l’autore della doppietta che ha blindato il risultato Gabriele Mascazzini.

I bianconerorossi si sono subito ripresi dallo spavento chiamato Zug 94 e in trasferta sono tornati al successo battendo un Brunnen ancora a secco di vittorie. Ora è tempo del primo derby stagionale. L’Ascona sarà infatti ospitato domenica alle 16 al Comunale.

La prima partita contro una vecchia conoscenza dello scorso anno ha regalato al Mendrisio i tre punti per la terza volta in stagione. Dimenticata la battuta d’arresto tra le mura amiche contro gli zughesi, Andrea Cataldo e compagni si sono presentati nel Canton Svitto con tanta voglia di riscattarsi. Così tanta che dopo appena tre minuti erano già in vantaggio: cross deviato dalla destra, pallone al limite dell’area sui piedi di Giona Mazzetti, la cui conclusione viene deviata da un lesto e intelligente Riccardo Bini, che in quattro partite ha già iscritto tre volte il suo nome sul tabellino.
La truppa di Amedeo Stefani dimostra di averne di più dei padroni di casa. All’ottavo Stefano Gibellini, il capocannoniere del Gruppo 4 di Seconda Inter, tenta una magia delle sue, ma il tiro da venti metri viene respinto in angolo dal portiere. È sempre il 26enne che al 33’ cerca di rendersi pericoloso, ma ancora una volta l’estremo difensore dei padroni di casa sventa il suo tentativo. Poche le sortite offensive degli svittesi, che nel primo tempo impegnano capitan Cataldo praticamente una sola una volta.
Il raddoppio giunge appena tre minuti dopo il rientro dallo spogliatoio sull’asse Gibellini-Gabriele Mascazzini, con il primo bravo a pescare tutto solo in area il secondo a pochi passi dalla linea di porta. Gli stessi giocatori confezionano pure la rete della sicurezza al 61’, dimostrando ancora una volta tutta la bontà del reparto offensivo dei bianconerorossi. Il migliore tra tutti i gironi di Seconda Inter con 15 gol siglati al pari di quello del Signal FC Bernex-Confignon del Gruppo 1. Obbligato a un’uscita un po’ avventata, Cataldo commette nei recuperi un fallo in area. Il rigore trasformato da Matej Schwendt per gli ospiti non cambia la sostanza, benché sarebbe stato ancor più gratificante poter chiudere la partita a porta inviolata per la seconda volta in stagione.
Con questo successo il Mendrisio si è portato nuovamente in vetta alla classifica, a pari merito con il Cham II, che nella prima giornata è stato nettamente battuto per 5-0 dai momò al Comunale. Dopo un primo impatto un po’ altalenante le squadre che lo scorso anno non giocavano in Seconda Interregionale stanno ingranando e questo deve essere da monito per Castellan e compagni.
Nelle prossime due settimane saranno impegnati in Ticino, in due derby che promettono fuoco e fiamme. Domenica alle 16 tra le mura amiche ospiteranno l’Ascona che rispetto alla passata stagione non ha iniziato nel migliore dei modi. Due sconfitte, contro Collina d’Oro e Gambarogno-Contone, e una sola vittoria in casa dell’Hergiswil. I sopracenerini scenderanno sicuramente nel Mendrisiotto con tanta voglia di risollevarsi in classifica. A staff e giocatori il compito di trovare le giuste contromisure per aggirare la difesa degli ospiti e trovare quella continuità che sembra nelle corde di una squadra con queste qualità. Sabato 24 settembre sfideranno invece in trasferta il Gambarogno, con l’obiettivo di ribadire la propria superiorità in campo cantonale.

SETTORE GIOVANILE FCM
All. C Ch Regensdorf-Mendrisio: 1-3.
All. B Ch Mendrisio-Zürich Affoltern: 3-1.
All. A Ch Mendrisio-Niederweningen: 8-0.
Prossime partite:
Sabato 17 settembre, ore 16, All. C Ch Taverne-Mendrisio.
Domenica 18 settembre Adorna, ore 11.30 Allievi B Ch Mendrisio-Lugano.
Ore 14.30 Allievi A Ch Mendrisio-Lugano.

Open day bambine/i nati tra il 2014 e il 2018, sabato 24 settembre dalle 9.30 al Centro sportivo Adorna.