La Città non taglia i contributi per le società

0
352
Fiera di San Martino Mendrisio

La realtà associativa presente sul territorio di Mendrisio si rivela “importante per mantenere e crescere la vivacità dell’offerta del tempo libero, l’integrazione e le occasioni di incontro intergenerazionali fra gli abitanti dei vari quartieri”. Ne è convinto il Municipio che sta attualmente valutando misure “per rendere maggiormente efficiente ed efficace la politica di sostegno alle manifestazioni delle società e delle associazioni cittadine”.
Lo spunto per una riflessione sul tema giunge dall’interrogazione firmata dai consiglieri della Lista civica Per Mendrisio Antonia Bremer e Tiziano Fontana che chiedeva una comunicazione trasparente circa il sostegno garantito agli eventi. Per quanto riguarda le società, la Città non intende attualmente applicare la misura di risparmio valutata in mezzo milione di franchi, contenuta nel rapporto steso dal centro di competenza IQ Center tra varie altre proposte di riduzione della spesa. Le autorità hanno valutato infatti che tale provvedimento “arrecherebbe un duro colpo alla vitalità dei quartieri e all’esistenza stessa di parecchie associazioni e manifestazioni”.
Il documento “Strategie 2035” della Città di Mendrisio riafferma anch’esso l’appoggio alle offerte sportive e del tempo libero, intese come elementi di integrazione e di prevenzione e sottolinea il valore del volontariato.
L’Esecutivo elenca le cifre riferite all’anno 2019, l’ultimo completo prima dell’avvento della pandemia che ha ridotto notevolmente gli esborsi legati alle manifestazioni. Queste hanno generato costi per 1’067’308 fr. Oltre la metà (pari a 671’876 fr) sono stati originati dalle 21 manifestazioni cittadine (Fiera di S. Martino, Sagra del Borgo, Stramendrisio, Fiera di San Giuseppe, ecc.). Il costo è composto da varie voci contabili fra le quali stipendi avventizi, prestazioni operai UTC, prestazioni polizia, acquisti e noleggi, smaltimento rifiuti, contributi.
Il sostegno a società e associazioni attraverso i contributi ricorrenti o puntuali che sono stati stanziati tra Dicastero sport e tempo libero e Dicastero Museo e cultura ammonta a un totale di 324’783 fr.
La Città, per quanto attiene alle modalità di sostegno, opera con contributi diretti, con una prestazione logistica e tramite concessione di spazi, in particolare degli impianti sportivi.
A partire dal 2018, si fa notare nella risposta, sono stati compiuti vari sforzi per contenere i costi legati alle manifestazioni, in particolare riducendo le ore di lavoro degli avventizi e degli operai dell’Ufficio tecnico.

Una tassa dal 2023
A partire dall’anno prossimo, quale ulteriore misura di contenimento della spesa pubblica, in Città entrerà in vigore una tassa a parziale rimborso per le spese logistiche legate agli appuntamenti culturali, ricreativi e sportivi.
Le associazioni attive in Città sono 150, quelle che ricevono un contributo finanziario sono 90.
Nel 2019 sono state annunciate sulla piattaforma 327 manifestazioni, di cui 42 cittadine e 285 organizzate da enti e società. Tutti gli appuntamenti hanno beneficiato di prestazioni logistiche gratuite. Dei 285 eventi promossi dalle associazioni, 125 sono orchestrati da 90 realtà che ricevono un contributo finanziario; gli altri 160 sono invece allestiti da società che non ricevono un contributo in denaro, ma che beneficiano della gratuità delle prestazioni logistiche.
Al momento non esistono – si puntualizza – criteri formali che definiscono il sostegno a manifestazioni. I Dicasteri coinvolti valutano la richiesta di contributo considerando l’importanza dell’evento, il coinvolgimento della popolazione e la qualità della proposta. Spettano poi al Municipio le considerazioni finali.
L’Ordinanza Manifestazioni, ora in fase di allestimento, verrà presentata in autunno alle associazioni mendrisiensi; la sua entrata in vigore è prevista dal 2023. Il documento conterrà, tra le altre cose, chiare indicazioni sulla qualità e la sostenibilità, criteri da rispettere nell’ottica di poter accedere al sostegno cittadino.
L’ammontare del contributo, già oggi, viene stabilito in base ai preventivi illustrati dai richiedenti, al budget disponibile e al motivo per il quale viene formalizzata una richiesta di partecipazione. Capita che alcune domande vengano respinte.
L’interrogazione della Lista civica per Mendrisio chiedeva infine lumi sulle società che vengono retribuite per prestazioni offerte alla Città. L’Associazione Monitori e Animatori Colonie – osserva l’Esecutivo – si occupa del coordinamento del Carnevale Mendrisiense; per sostenere le spese vive vengono versati 8’000 fr.
La Società Benefica Risotto Urano riceve 3’000 fr per l’organizzazione dei festeggiamenti del primo d’agosto. Il comitato della Sagra del Borgo beneficia di 12’000 fr per spese di segretariato. Alcune società sportive, infine, collaborano con l’Ufficio Sport e tempo libero del Comune per la buona riuscita della Stramendrisio. In questo caso viene versato un contributo simbolico di 500 fr.