Quando la danza è “phygital”

0
233

Domenica 15 maggio in collaborazione con la 17.a Festa danzante e in occasione della Giornata Internazionale dei Musei, la Rete dei Musei d’Arte del Mendrisiotto – Rete MAM presenta MAMcontemporanea, una produzione creata ad hoc per questa speciale ricorrenza scegliendo di rivolgere lo sguardo alla danza. Diversi tableau di coreografie dislocate e interconnesse convergono in un’opera dinamica, unitaria ma multipla, proiettata in contemporanea (dalle 15.30 alle 17.30), nelle sale dei cinque musei partner della rete MAM – Musei d’Arte del Mendrisiotto. L’evento coinvolge Teatro dell’architettura e Museo d’arte a Mendrisio, Pinacoteca cantonale Giovanni Züst a Rancate, Museo Vincenzo Vela a Ligornetto e m.a.x. museo a Chiasso.
MAMcontemporanea è una performance di danza “phygital” (fisica e digitale) che sviluppa un momento di connessione in tempo reale, estendendo al mondo e alle visioni digitali la rete collaborativa già costituita tra i cinque musei. Idea e regia sono di Ariella Vidach – che firma anche la coreografia – e Claudio Prati.
La performance, ripetuta in loop più volte nel corso del pomeriggio, presenta cinque performer che danzano simultaneamente nei musei della Rete MAM (un performer per ogni museo) inquadrati dai cellulari e visualizzati, attraverso internet, in un’unica composizione. Ogni museo avrà uno spazio site specific, dove un danzatore in presenza eseguirà la coreografia interagendo con gli altri quattro danzatori. Dislocati nelle varie sedi museali, i cinque danzatori eseguiranno la coreografia, in contemporanea e in presenza,
interagendo con gli altri interpreti visualizzati sugli schermi predisposti in sala e sugli smartphone degli spettatori.
Gli eventi coreografici si svolgono tra reale e virtuale, su di un “limen”, un confine, che si colloca tra le varie dimensioni del presente e che permette ai danzatori e al pubblico di vivere e di esplorare una nuova fisicità dei corpi in un ambiente multidimensionale. Una nuova forma di danza che si sviluppa per continui sfasamenti spazio-temporali e connessioni visuali.
Questo progetto intende tradurre attraverso la performance e la danza il modo di operare della Rete MAM, Rete che tra i suoi obiettivi desidera rafforzare una pratica di lavoro collaborativa tra i musei, implementare la visibilità, promuovere la conoscenza e valorizzare la presenza di queste istituzioni, sottolineando la diversità, la ricchezza delle loro collezioni. A tale scopo organizza eventi e attività congiunte, come ad esempio per celebrare la Giornata internazionale dei musei, con l’auspicio di agevolare l’accesso ai musei, incoraggiando il pubblico a muoversi in tutto il territorio.
In occasione della Giornata Internazionale dei Musei l’ingresso sarà gratuito. Ulteriori informazioni si trovano sulla pagina www.museidartemendrisiotto.ch.