Val Mara: due amici al ballottaggio

0
237

Sedici voti hanno segnato il vantaggio del socialista Jean-Claude Binaghi sul liberale Daniele Maffei, rispettivamente sindaci di Maroggia e Melano. Due amici da sempre che l’8 maggio prossimo si sfideranno al ballottaggio per la poltrona di sindaco del nuovo Comune di Val Mara. Maffei ed il PLR detengono il sindacato di Melano da 22 anni e ritengono giustificato lanciare questa ulteriore sfida, anche perché 3 sono i seggi che hanno guadagnato nel nuovo Esecutivo contro i 2 andati al PS-Verdi. Come vivono questo momento? Lo abbiamo chiesto a loro.
Sì, con il Partito abbiamo deciso di presentare la mia candidatura per la carica di sindaco del nuovo Comune di Val Mara. Credo sia una scelta dovuta anche rispetto a chi mi ha votato” spiega Daniele Maffei, ex sindaco di Melano e candidato considerato come il favorito della vigilia dell’elezione per l’aggregazione di Melano, Maroggia e Rovio. Il risultato delle urne dello scorso fine-settimana – un po’ a sorpresa – ha visto invece il liberale Maffei superato di 16 schede dal socialista Jean-Claude Binaghi, ex sindaco di Maroggia e ad oggi sindaco di quindicina della nuova Val Mara. Maffei e Binaghi erano i due candidati più forti, per l’esperienza quali sindaci, per il cammino maturato verso l’aggregazione in questi anni e anche per il “peso specifico” dei loro gruppi partitici. Amici da sempre e abituati a collaborare in maniera costruttiva, ora Maffei e Binaghi andranno ad un ballottaggio che si giustifica sia per l’esiguo numero di schede che li distanzia sia per i seggi in Municipio guadagnati dal PLR-GLRT e Verdi Liberali – che sono tre – rispetto a quelli agguantati dal gruppo PS – Verdi e Indipendenti ossia due. A Daniele Maffei chiediamo con che spirito si appresta a questa ulteriore sfida. “Sono stato municipale per 8 anni e poi sindaco di Melano da 22 anni e, di legislatura in legislatura, non ho mai affrontato un ballottaggio! Ma ora con l’aggregazione concretizzata, la realtà è mutata, gli equilibri partitici possono essere diversi e quindi affronto questa sfida con spirito nuovo, cercando di voltare pagina rispetto al passato”. E come vive questo momento il sindaco di quindicina? “Sinceramente sono frastornato” commenta Jean-Claude Binaghi. “Ritengo totalmente inaspettato questo mio risultato dal momento che avevo dubbi anche sulla mia elezione nel nuovo Municipio. È felicità perché significa che la gente mi apprezza. Sono grato a chi mi ha dato fiducia”. Che ne pensa della scelta PLR di depositare la candidatura e quindi aprire la strada al ballottaggio? “Ritengo che sia più che legittimo che Daniele e il PLR rivendichino la poltrona di sindaco. Io e Daniele siamo amici da sempre e andremo avanti a collaborare fianco a fianco nel nuovo Municipio, in ogni caso”. Anche quella di Binaghi è una lunga carriera politica (30 anni) che lo ha visto passare dai banchi del Legislativo a quelli dell’Esecutivo per poi divenire sindaco di Maroggia “un po’ per caso” come sottolinea lui stesso raccontando che “nel 2015 avevo deciso di lasciare la carica ma il mio collega di Municipio aveva preso la medesima decisione e così rimasi in carica e divenni sindaco”. Questo è il clima. Ora sarà la popolazione a decidere chi dei due guiderà la Val Mara.

La votazione di ballottaggio è fissata per l’8 maggio dalle 10 alle 12. Si voterà a Melano, Maroggia e Rovio. Le candidature andavano inoltrate in Cancelleria comunale entro ieri sera.