La stazione? Un comparto di convergenze

0
338
Il taglio del nastro. Al centro la direttrice FFS-Regione Sud Roberta Cattaneo fra il consigliere di Stato Claudio Zali (a sinistra) ed il sindaco Samuele Cavadini.

Taglio del nastro martedì per inaugurare la nuova stazione di Mendrisio. “Quello della stazione – ha dichiarato il sindaco Samuele Cavadini – è uno dei comparti che la Città ritiene maggiormente strategici. Darà grandi potenzialità. La Città ci crede e da tempo investe su questo fronte”. Con lui all’inaugurazione, la vicesindaca Francesca Luisoni. Lo sforzo del Comune nel comparto si realizza anche a livello di pianificazione (con la variante nel nuovo piano regolatore), di servizi per la mobilità lenta (pista ciclabile, Bike-sharing, ecc.) e favorendo le convergenze sugli obiettivi posti. SUPSI, FFS, Posta e altri attori privati si confrontano nel comparto che è un’importante zona di collegamento fra sud (Varese e Como) e nord (Lugano e il resto della Svizzera). All’inaugurazione della nuova stazione, in prima linea anche il consigliere di Stato Claudio Zali che ha evidenziato l’impegno delle FFS in Ticino e nel Mendrisiotto in particolare. La direttrice FFS-Regione Sud Roberta Cattaneo ha riassunto gli interventi realizzati in 18 mesi di lavori con 5 milioni di franchi di investimento sull’edificio storico che risale al 1874. La nuova stazione presenta una primizia a livello ticinese: un centro viaggiatori di nuova generazione più orientato alla consulenza che alla vendita. La rinnovata struttura non dispone di un wc a causa di un errore di realizzazione; – è stato ammesso – al momento è stata posata una struttura provvisoria ed entro 18 mesi ci sarà il bagno definitivo. Con le scuse per i disagi.

Sono terminati i lavori di ammodernamento della stazione FFS di Mendrisio. Dallo scorso 9 dicembre il nuovo fabbricato viaggiatori accoglie un moderno centro viaggiatori e un negozio Avec; dal 7 gennaio prossimo aprirà anche un ufficio dell’Organizzazione turistica regionale. L’investimento complessivo ammonta a 5 milioni, interamente a carico delle FFS.
I lavori sono terminati il 9 dicembre: è stato realizzato l’ammodernamento del fabbricato viaggiatori, originariamente edificato nel 1874, presso la stazione FFS di Mendrisio. Dopo Bellinzona, Lugano e Locarno, anche Mendrisio dispone oggi di una stazione moderna, confortevole e senza barriere, adattata alle esigenze di tutti i viaggiatori.
Il cantiere era iniziato nel maggio del 2020. La consegna dell’edificio è avvenuta con un ritardo di 4 mesi nella tabella di marcia a causa della pandemia di Coronavirus. Nel corso di questi 18 mesi è stato ampliato il secondo piano della parte centrale, laddove prima vi era un solaio non abitabile, è stato costruito un nuovo tetto, inserito un ascensore interno allo stabile, rifatta la pavimentazione, con granito della Valle Calanca, e installato un nuovo impianto di riscaldamento che utilizza un vettore energetico rinnovabile (acqua di falda). Sono inoltre stati ripristinati alcuni particolari storici che furono eliminati durante l’ultimo rinnovo, datato 1960, e l’edificio è stato riportato al suo colore originale.

Primizia in Ticino
La rinnovata stazione di Mendrisio è la prima in Ticino e la terza in Svizzera a disporre di un centro viaggiatori di nuova generazione. Offre ai clienti un open space e un’atmosfera accogliente che facilita la consulenza individuale. In aggiunta agli usuali servizi e prodotti del trasporto pubblico, i clienti possono anche usufruire di consigli per escursioni nella Regione e suggerimenti per il proprio viaggio. Al piano terra si trova anche un negozio Avec e, a partire dal 7 gennaio 2022, sarà operativo un ufficio dell’Organizzazione Turistica Regionale Mendrisiotto e Basso Ceresio. Al primo piano dello stabile sono invece presenti gli uffici dell’Agenzia Federale delle Dogane e della Polizia dei Trasporti FFS, così come i locali per i collaboratori FFS, mentre al secondo piano sono disponibili 200 m2 di uffici, ancora da locare. Non da ultimo, accanto al nuovo Bike & Rail, inaugurato lo scorso mese di marzo, sono presenti nuove rastrelliere per biciclette, al coperto, disposte su due piani, per un totale di 108 posti bici. Non da ultimo, da dicembre 2020 la stazione è stata una delle prime in Svizzera a essere dotata dei nuovi «Smart Information Display» (SID), schermi interattivi di ultima generazione che visualizzano in modo immediato le informazioni di viaggio rilevanti.

In attesa del wc
Purtroppo, a causa di una modifica in fase di realizzazione, la nuova stazione non disporrà nell’immediato di un wc pubblico ma unicamente di un provvisorio, posizionato a lato del terminal bus. Al più tardi entro 18 mesi sarà realizzato un wc definitivo e il piazzale sul quale attualmente è presente il provvisorio sarà abbellito con elementi di arredo quali panchine e alberi. Le FFS si scusano con la città di Mendrisio, con i clienti e con tutta l’utenza per questo disagio.
Negli scorsi anni la stazione di Mendrisio è stata anche oggetto di importanti lavori di rinnovo e ammodernamento dell’infrastruttura ferroviaria, lavori che hanno contribuito a renderla un moderno nodo di trasporto ferroviario privo di barriere architettoniche.
Il sottopasso principale è stato ampliato e dotato di nuove rampe e scale di accesso ai marciapiedi ed è stata creata una nuova uscita verso via Flora Ruchat Roncati. Il marciapiede 1 e il marciapiede 2 sono stati completamente risanati, rialzati, così da entrare ed uscire senza ostacoli dai treni a pianale ribassato, come i treni Flirt TILO, e allungati a 220 metri, consentendo così ai convogli Flirt TILO di fermarsi in doppia composizione.
Per l’apertura della linea ferroviaria Mendrisio-Varese è stato realizzato ex novo il marciapiede 3. Infine, per agevolare la circolazione dei treni, sono stati posati nuovi scambi e nuovi binari.