Felici con piccole cose

0
322

Quest’anno, durante il Festival internazionale di narrazione in calendario dal 19 al 22 agosto, il Club Athena, l’associazione delle persone che frequentano il Centro diurno dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale di Chiasso, propone la mostra “Eravamo felici di ogni piccola cosa”.
Il progetto ha avuto inizio lo scorso autunno ed è maturato anche grazie all’incontro con l’artista visivo Ricardo Torres. I partecipanti hanno intrapreso un percorso sulla memoria che ha portato alla realizzazione di opere con la tecnica del collage, assemblando vecchie fotografie e oggetti personali, per giungere a un autoritratto, uno sguardo interiore.
Un’esperienza importante per le persone che fanno capo al Centro di via Bossi, sia nella sua evoluzione, come pure nell’atto creativo e di condivisione nel gruppo.
Il pubblico vedrà dunque ad Arzo, Meride e Tremona una serie di immagini appese ai muri di case ed edifici pubblici. L’esposizione si potrà vedere anche dopo il festival. Le opere saranno accompagnate da un ascolto sonoro: le narrazioni di coloro che hanno realizzato le opere, registrate ed elaborate dalla giornalista Natascia Bandecchi.
I ritratti in formato gigante sono elementi inaspettati e di forte impatto che incuriosiscono e inducono il passante a fermarsi e riflettere. In questo incrocio di sguardi scatta un sottile meccanismo di riconoscimento che porta chi guarda le immagini a confrontarsi con l’idea di diversità che si fa ognuno di noi. Una visione volta a creare legami, tra le persone ma anche tra i luoghi, abbattendo i muri del pregiudizio che purtroppo ancora ci condizionano, mettendo al margine della società chi si trova suo malgrado ad affrontare una situazione difficile, come il disagio psichico.
Un invito all’incontro, uno spazio di riflessione e dialogo tra le dimensioni del diverso. L’iniziativa vuole portare nei luoghi di passaggio la voce di coloro che sono spesso inascoltati. Tutto ciò nell’ambito di una rassegna che invita all’ascolto. E quelle appese ai muri sono pure delle storie da vedere e sentire.