Un Chiasso da applausi

0
480
Nella foto, Carlo Manicone che ha siglato la rete del Chiasso.

I rossoblù tengono testa al Thun che bloccano sull’1-1 grazie alla rete siglata da Carlo Manicone. La partita è stata diretta con autorità da Esther Staubli, ex giocatrice del Roth-Schwarz di… Thun!

C’è sconforto, non tanto per avere costretto la seconda della classe al pareggio, quanto per la vittoria che il Kriens è andato a cercarsi in quel di Wil. I lucernesi hanno ora 4 lunghezze di vantaggio sul Chiasso che è sempre ultimo. Per dire che si tratta di un punto guadagnato bisognerà vedere la classifica finale che sicuramente non sorride alla squadra di Baldo Raineri anche se il tecnico continua a essere ottimista declamando “il grande spirito” della squadra.
La classifica piange dalla prima giornata, alla fine di quest’altra deficitaria stagione di partite da giocare ne mancano sempre di meno. Le prossime saranno contro Winterthur (3 aprile), Kriens (9), Aarau (16), Grasshopper (20), Stade Losanna (24): un aprile di fuoco e fiamme!
Il punto conquistato contro i bernesi è senza ombra di dubbio meritato ma, come fa osservare il Team manager Fabio Pinna, non è sicuramente il caso di dire che si tratta di un pareggio che vale una vittoria. Fintanto che non si vincono partite la classifica non si muove! Inoltre bisogna tenere conto degli avversari: quando i rossoblù andranno alla Schützenwiese il Kriens ospita lo Stade Losanna. Poi ci sarà lo scontro diretto al Riva IV ma anche vincendolo – a meno di battere i “leoni” – resterà sempre qualcosa da recuperare. Inoltre non è detto che i lucernesi restino a mani vuote con i vodesi, loro prossimi avversari sul campo amico.
Si deve anche tenere presente che il Chiasso, nella susseguente gara casalinga, se la vedrà con il Grasshopper, giornata in cui è in programma – guarda il caso – lo scontro diretto tra Xamax e Kriens… Lasciamoci sorprendere!
Non stiamo dicendo che l’obiettivo salvezza non possa essere raggiunto: Raineri sta facendo il possibile verificando giorno dopo giorno quei “dettagli” che impediscono alla sua squadra di centrare la vittoria (5 in 26 partite, una miseria!). La sua dedizione è ammirevole. Ma andando avanti con i pareggi (5) e con le sconfitte (ben 15) è utopistico pensare di mettersi in salvo. Al Chiasso per tirarsi fuori dal tunnel occorrono due vittorie, se non tre, di fila.
La partita è stata diretta dalla quarantunenne Esther Staubli, ex calciatrice (attaccante del Roth-Schwarz Thun) che si è lanciata nell’arbitraggio nel 2000. Da arbitro Fifa è stata la prima donna ad arbitrare in una Coppa del Mondo Under 17 maschile (gara Giappone-Nuova Caledonia). Nel 2015 era stata chiamata a Berlino per la finale di Uefa Women’s Francoforte-PSG. La sua direzione al Riva IV ha riscosso espliciti consensi.
Il Chiasso è andato per primo in vantaggio con Manicone ma è stato raggiunto dopo soli 8 minuti dagli ospiti che hanno trovato il gol con Karlen al 28’. I rossoblù hanno insistito nella loro manovra offensiva creando due o tre pericoli in area dei bernesi cui ha arriso la fortuna al 46’ quando Bahloul si è visto respingere sulla linea di porta la sua conclusione a portiere battuto. Nella ripresa sono invece stati gli uomini di Carlos Bernegger a farsi protagonisti, in modo particolare grazie al ghanese Gabriel Kyeremateng (1999) che si è insidiato a più riprese in area chiassese impegnando Safarikas a getto continuo fino a costringerlo al 93’ a prodursi in un intervento da portiere di Champions League. È però vero che 4 minuti prima c’era stato anche un provvidenziale intervento del portiere ospite Hirzel su Malinowski. Poteva andare meglio ma, conveniamone, anche peggio. Tutto sommato il pareggio va bene perché il Thun nei secondi 45 minuti è ulteriormente cresciuto sbagliando palle-gol a raffica.
Purtroppo il Kriens è andato a vincere a Wil per cui la classifica anziché migliorare si è aggravata. Continuare a dichiarare “possiamo giocarcela con tutti”. Lo si va dicendo da mesi: pure gli avversari (Xamax e Kriens) se la giocano con tutti, ma di tanto in tanto anche con qualche vittoria!