Tirocinio, nessuno dovrà perdersi

0
909

(red.) Cosa faranno le ditte? È ancora fra i loro pensieri l’assunzione, quali apprendisti, dei ragazzi e delle ragazze che stanno terminando la quarta media? Gli ultimi mesi di scuola sono delicati, perché si fanno scelte importanti; e già si firmano i contratti di tirocinio. Spiega a l’Informatore Rita Beltrami, responsabile dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale a livello cantonale: “i contratti confermati al 30 aprile sono 232, siamo in linea con il 2019, alla medesima data. I posti offerti dai datori di lavoro, in questo momento, sono 1740, alcuni in meno rispetto allo scorso anno. Ma l’obiettivo da raggiungere nei prossimi mesi è di avere a disposizione circa 3 mila posti di tirocinio confermati, seguendo così la tendenza degli anni più recenti. Oltre ai ragazzi che finiscono la quarta, ci sono giovani che cambiano professione, altri che rientrano, altri che cominciano più tardi l’apprendistato”.
La pandemia e il relativo “tutto chiuso” hanno avuto riflessi negativi importanti anche in questo settore; gli incontri negli uffici con gli orientatori sono stati annullati e sostituiti con colloqui a distanza; annullati anche molti stages, che si fanno in quarta media, essendo chiuse le ditte; settimane preziose vissute accanto a chi lavora già, per mettersi alla prova, per capire, con la competenza degli orientatori e dei responsabili nelle aziende, se quella è la strada giusta.
“Ci stiamo chiedendo quali sono le priorità per le ditte, in questo momento”, rileva Renata Filippini, responsabile dell’Ufficio dell’orientamento scolastico e professionale di Mendrisio. Ogni anno, in queste settimane, le famiglie sono impegnate nella ricerca del posto di tirocinio per i propri figli, spesso con grandi difficoltà, che ora si moltiplicano perché nella nostra regione le ditte, solitamente di piccole dimensioni, hanno sofferto in queste settimane di inattività”.