Un palcoscenico virtuale

0
1100

È un “cartellone virtuale” quello allestito dal Cinema Teatro di Chiasso attingendo all’album dei ricordi.
Con liniziativa #IlCinemaTeatroACasaMia, il tempio delle muse chiassese propone di (ri)scoprire titoli delle passate stagioni – fra prosa, cabaret, musica e danza – riproposti attraverso il sito web http://www.centroculturalechiasso.ch.

L’emergenza sanitaria da Covid-19 ha imposto uno stop forzato all’attività culturale in presenza di pubblico. Il Cinema Teatro è stato costretto a cancellare gli spettacoli che erano ancora in programma nell’ambito della stagione 2019-2020.
Nonostante le conseguenze della pandemia, la direzione intende mantenere saldi i contatti con il proprio pubblico e, in attesa di accoglierlo nuovamente nella storica cornice di via Dante Alighieri, ha deciso di offrire una scelta di spettacoli da godere in modalità online rimanendo comodamente a casa.
La selezione tiene conto degli innumerevoli successi delle passate stagioni che hanno entusiasmato gli spettatori.
A cadenza settimanale saranno infatti messe online diverse serate: gli amanti del teatro ma anche tutti coloro che sono incuriositi da queste forme d’arte potranno (ri)vivere concerti, pièces, esibizioni di compagnie di danza, spettacoli di cabaret, tutti registrati dal palcoscenico del Cinema Teatro. Tra le chicche spicca inoltre la visione del documentario realizzato nel 2016 dal Foto-Cine Club Chiasso Chiasso riflesso nel Tempo.

L’iniziativa è stata inaugurata questa settimana con un doveroso omaggio alla drammaturgia partenopea. Attraverso il sito internet del centro culturale della cittadina di confine verrà presentata la commedia in tre atti di Eduardo De Filippo Le voci di dentro, per la regia di Toni Servillo, che pure era fra i protagonisti della pièce. La rappresentazione era andata in scena il 1° dicembre 2013. È sufficiente “cliccare” sul link indicato per vedere lo spettacolo programmato.
Da lunedì prossimo 27 aprile (alle ore 14) sarà possibile rivedere Father and Son di Michele Serra (ispirato ai suoi libri Gli Sdraiati e Breviario comico), con Claudio Bisio sul palcoscenico.
Il terzo appuntamento sarà con Absolute Chopin il recital del pianista Alexander Romanovsky, concerto registrato il 15 maggio dello scorso anno. Sarà disponibile online dal 4 maggio alle 14.
La scelta del Cinema Teatro, per il quarto evento in programma, è caduta su un altro lavoro di Eduardo De Filippo: Sogno di una notte di mezza sbornia. La pièce, interpretata da Luca De Filippo, era stata portata in scena a Chiasso l’8 gennaio 2015. Il pubblico potrà vederlo attraverso il sito web centroculturalechiasso.ch da lunedì 11 maggio (alle ore 14).
Il documentario Chiasso riflesso nel Tempo del Foto-Cine Club Chiasso (presentato nel 2016 in occasione del suo cinquantesimo di fondazione) si potrà rivedere dal 18 maggio. Si tratta di una ricostruzione aggiornata della proiezione sonorizzata di diapositive Chiasso, ieri e oggi illustrata al pubblico nel 1986.
Una visione esclusiva per gli abbonati del Cinema Teatro sarà disponibile da lunedì 25 maggio: si tratta di Hamburg Ballet-John Neumeier con Silvia Azzoni su musiche di Chopin, Bizet, Bernstein, Delibes e Mahler (spettacolo del 22 marzo 2014).
Da lunedì 1° giugno, infine, gli spettatori potranno fruire online del recital del pianista Giuseppe Albanese intitolato Metamorfosi tematiche e fantasie musicali. Concerto del 25 gennaio 2015 con un programma imperniato su brani di Schumann, Beethoven e Schubert.
Altri titoli si aggiungeranno nelle prossime settimane.
Con questa iniziativa, il Cinema Teatro di Chiasso “spera di alleviare questo momento difficile e dare il proprio contributo per mantenere viva la passione e il palcoscenico e per la cultura in generale”.