Tutti al buio nel Basso Mendrisiotto, le forze dell’ordine sono in forte allerta

0
1013

Caricare il cellulare in anticipo, dotarsi della classica pila, evitare come la peste gli ascensori e inserire la modalità manuale in cancelli e porte che di norma sono automatici. Bandite le candele che possono a loro volta causare incendi, soprattutto quando la gente non è abituata ad usarle. Sono questi i principali consigli forniti dalle forze dell’ordine e dagli enti di pronto intervento per affrontare le due notti di black-out annunciato previsto nei Comuni di Chiasso, Balerna, Morbio Inferiore e Vacallo. È questo il comprensorio che resterà completamente al buio (senza corrente elettrica) dalle 23 di stasera 9 agosto alle 6 di domattina e dalle 23 del 10 agosto alle 6 dell’11 agosto. In pratica stanotte e domani notte. La circostanza non viene certo presa sotto gamba e per affrontarla, il Cantone ha deciso di far scendere in campo il cosiddetto Stato Maggiore Regionale di Condotta (SMRC) al quale spetta il compito di coordinare i servizi di polizia e soccorso (nell’immagine vediamo riuniti tutti i partners nel Centro di Comando di via Motta a Chiasso). Giovedì è stato eseguito un test sulle strutture e su quel che viene impiegato. Presso il  “campo-base” di via Motta verranno coordinati gli interventi per garantire una massima efficacia qualora si presentassero situazioni critiche. Il Centro sarà completamente autonomo da qualsiasi fonte di corrente esterna: saranno perciò presenti generatori di corrente. All’esterno dell’edificio, qualora dovessero esserci problemi con i generatori, sarà presente un posto di comando mobile, dotato di un’ulteriore riserva di elettricità così come un’antenna 5G. 

Continua a pagina 2