Fauna anfibia di Seseglio sotto la lente

0
1022

• A distanza di dieci anni dagli ultimi lavori, il Cantone dà avvio a importanti interventi di valorizzazione presso la riserva naturale di Seseglio, sito d’importanza nazionale. Il Consiglio di Stato ha stanziato un credito a questo scopo.
Il biotopo umido è inventariato quale sito di riproduzione di anfibi e palude d’importanza nazionale ed è protetto dal Piano regolatore del Comune di Chiasso.
L’area in questione – che si estende su una superficie pari a circa 6,5 ettari – si situa in un contesto agricolo e di bosco nella pianura della frazione di Seseglio.
I lavori sono in programma per questo mese di gennaio e si protrarranno per alcune settimane. Il loro svolgimento si rivela significativo soprattutto in relazione alla protezione della natura, in particolare per la fauna anfibia. Il comparto di Seseglio, e più in generale le aree planiziali umide situate nel Mendrisiotto sudoccidentale – osserva il Dipartimento del territorio – sono di notevole importanza a livello nazionale “in quanto habitat rari e fondamentali per la conservazione delle popolazioni di anfibi, presenti con dieci delle dodici specie censite in Ticino”.
Cura e manutenzione di questa riserva sono compiti assunti dallo Stato. Gli interventi regolari sono programmati sull’arco di una decina di anni. Gli ultimi lavori degni di nota, ricorda il Cantone, sono stati eseguiti nel 2009, quando si è proceduto alla realizzazione di un nuovo specchio d’acqua.
Gli interventi previsti durante questo mese mirano al mantenimento della funzionalità ecologica del sito attraverso la gestione della vegetazione umida, all’eliminazione delle specie neofite invasive e al ripristino degli specchi d’acqua presenti. Il materiale di scavo derivante dallo spurgo degli stagni verrà impiegato per la sistemazione di terreni agricoli presenti nel comparto e per l’impianto di una siepe naturale composta da specie autoctone, di interesse anche per l’avifauna.