Arte e cultura alla Masseria di Novazzano

0
1615

Domenica 10 giugno il Comune di Novazzano e il Museo svizzero all’aperto inaugureranno l’intervento del duo di artisti Trickster-p in tre locali della masseria di Novazzano.
All’insegna del motto “Condividere la cultura”, il Ballenberg, nell’anno del giubileo, invita operatori culturali, artigiani, scienziati e Comuni di origine a confrontarsi con il museo in modo assai vario.
Il Museo ha pertanto incaricato il duo Trickster-p di realizzare un intervento nell’imponente masseria rettangolare. Il duo ha il domicilio e il luogo di lavoro proprio a Novazzano.
Nel 2017, Trickster-p è stato anche insignito del Premio svizzero di teatro per la sua forma di teatro del tutto particolare. Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl sviluppano, in alcuni locali della masseria, un intervento acustico/visuale che resterà a disposizione dei visitatori fino al 12 agosto prossimo.
«Quando il museo all’aperto ci ha invitati a realizzare un intervento per l’edificio proveniente da Novazzano, ci è subito apparso chiaro che avremmo cercato di sfruttare una delle caratteristiche principali del museo, in cui il pubblico ha la possibilità di visitare fabbricati e locali che riproducono l’atmosfera del passato», spiega Trickster-p. Il duo ha elaborato un progetto che modifica l’atmosfera di tre ambienti della masseria mediante effetti sonori e di luce. Al centro del lavoro c’è il concetto del tempo, da intendersi sia in senso cronologico (passato, presente e futuro, ma anche le diverse ore del giorno), che come tempo atmosferico, con riferimenti ai diversi fenomeni meteorologici. L’intervento invita i visitatori a sostare più a lungo negli interni per modificare la propria percezione, facendo interagire la capacità di immaginazione con la proposta artistica.
L’inaugurazione dell’intervento culturale rappresenterà anche un’occasione di incontro e festa con gli abitanti di Novazzano. Il momento conviviale è organizzato da rappresentanti del Consiglio comunale e del Museo all’aperto dell’Oberland bernese.
Con il Comune – rilevano i responsabili del Ballenberg – si è parlato anche degli ultimi gestori della masseria. Nell’autunno 2017, i discendenti di Giuseppe ed Ernestina Zambetti si sono rivolti al Museo all’aperto per analizzare e fissare i propri ricordi degli ultimi anni nella masseria. «Ora ci stiamo confrontando per raccontare questa storia nel modo giusto nel Museo all’aperto. Sarà un piacere ascoltare le parole di Marco Zambetti il 10 giugno, da cui potranno emergere ulteriori prospettive dalle quali considerare la storia e il presente dell’edificio proveniente da Novazzano», spiega Susanne Kudorfer.
L’evento di questa domenica inizierà alle ore 11. Dopo i saluti da parte della responsabile di progetto Susanne Kudorfer, parleranno il sindaco Sergio Bernasconi, Marco Zambetti, figlio dell’ultimo gestore della masseria, e Cristina Galbiati di Trickster-p.