La satira è servita!

0
1477

Il Carnevale nella regione porta – come sempre – la curiosità per i giornalini satirici colorati e ricchi di vignette e testi pungenti. Ecco un assaggio dei fogli ormai pronti a Mendrisio e Chiasso. Non resta che acquistarli per conoscerne tutti i contenuti!

 

 

“La Città” a Mendrisio

La trovata è fantastica. Il team che ha concepito anche quest’anno il giornalino satirico di Mendrisio ha contattato tutti i candidati al Municipio in vista delle prossime elezioni comunali di aprile. A ciascuno di loro ha proposto a pagamento la pubblicazione di un loro “santino” caricaturale sul foglio carnevalesco con tanto di slogan in dialetto. Ebbene, sono undici i candidati che hanno accettato questa simpatica sfida ed appaiono fra le pagine del giornalino tutto da scoprire. Immaginiamo che a questo punto nessuno resisterà alla tentazione di procurarsi “La Città” – questo il titolo del Foglio – che sarà in vendita da giovedì 4 febbraio prossimo secondo le stra-collaudate modalità (franchi 5). Il ricavato dei santini e della vendita del giornalino andrà anche quest’anno a sostegno della Civica Filarmonica di Mendrisio che quest’anno parteciperà al Concorso Federale previsto in giugno a Montreux. Oltre agli undici candidati “consenzienti”, il lettore troverà la Palmira in lizza per il PPT (Partito Palmira Tiraboschi) con lo slogan “Vota la Palmira par sta bén matina e sira!”
E proprio l’assalto quadriennale al potere comunale costituisce il tema centrale del giornalino con una copertina (cfr. immagine a destra) da studiare centimetro per centimetro. Sfogliando poi il prodotto (che sarà di 20 pagine anziché le solite 16 grazie alla crescita di inserzioni pubblicitarie), cade l’occhio sul riquadro intitolato “Lo Spirito Santo 2, il Ritorno” che ironizza sul fatto che ben tre delle signore che si sono cimentate nel Musical di Madre Teresa, interpretando il ruolo di suore illibate  (le attrici principali, le suore, l’allieva e Madre Teresa) smessi i panni larghi del Musical, si sono ritrovate in dolce attesa!
Poi tengono banco “tormentoni” mendrisiensi del 2015 come la definizione del cadreghino della pace (giudice di pace e supplente!) con personaggi quali il valletto barbuto (Flavio Foletti), il valletto ginnico (Maurizio Sala), il valletto romano (Giorgio Romano) e la valletta fintobionda (Antonella Grassi). Un altro tema forte è il progetto pilota dell’OBV che coinvolge pazienti e curanti. Un progetto che “La Città” definisce altamente futuristico e lo intitola: “Nuove frontiere della medicina: il paziente che si opera da solo”. E poi il “polverone” sui taxi, l’architetto Mario Botta che è stato pizzicato a velocità elevata proprio sotto i suoi alberi metallici chiassesi.
Episodi singoli molto gustosi impreziosiscono il giornalino dalle pagine del quale i Mistun da Mendriis lanciano un accorato appello: purtroppo – scrivono – potrebbe essere l’ultimo anno di attività perché il capannone dove siamo alloggiati (ex Riri accanto alla stazione FFS) verrà abbattuto; cogliamo dunque l’occasione per lanciare un appello a chi è interessato ad aiutarci a trovare una nuova sistemazione.

Il “Nebiolino” a Chiasso

Il “Nebiolino n. 61”, organo di stampa ufficiale del carnevale Nebiopoli, uscirà in vendita giovedì 4 febbraio dalle 10 in poi in Piazza della Chiesa/Municipio. Per chi non ha la possibilità di fermarsi a quell’ora per un aperitivo, ci saranno 7 punti vendita fissi dove si potranno acquistare anche le patacche: Bar Chiasso, Ristorante Carlino, Bar Indipendenza, Gerosa Elettricisti, Bar Rossoblù, Osteria Miki e Bar Binario 07. Come ben si capisce dalla copertina, il Nebiopoli avrà come cuore pulsante la piazza.
Il redattore Leone, parlando del numero 2016, spiega che questa “è un’edizione straordinaria”. Non mancherà di stupire. Data la grande tiratura e la distribuzione mondiale i prezzi di vendita sono esposti in varie valute; con il retro copertina la redazione vuole ricordare il duro lavoro dei bravi operatori a fine festa.
La lettera di Pierino, con la sua caratteristica gramm-ortografia, descrive i fatti con disarmante innocenza e sul finale prende una svolta politica: Pierino si candida! Gli articoli, spesso accompagnati da umoristiche vignette ma anche da fotomontaggi, ritraggono una realtà chiassese parallela a quella reale, ma non per questo meno intrigante, anzi…
Si passa, ad esempio, dal vacanziere che ritorna abbronzato a strisce, agli ultrà lontani dallo stadio, alla bolla immobiliare con svariati esempi di umoristica edilizia, al ladro di se stesso che ruba la propria bicicletta (e poi si pente), ai municipali che finalmente svelano il “succo” del loro intento, passando per la nuova segnaletica della zona “Prostiboli” e senza dimenticare un’illuminante inchiesta riguardo al raddoppio del Gottardo. In tutto novantaquattro pagine di goliardica allegria, in dialetto ed italiano, in prosa ed in poesia.