Sinergie pubblico-private a Riva

0
1508

(p.z.) Stabilità finanziaria che si riflette in una progettualità che rende sempre più attrattivo il Comune di lago. Riva San Vitale sembra aver trovato la propria strada. È la deduzione che si può trarre sotto gli ombrelloni del lido comunale, la rilassante “location” prescelta  dal sindaco Fausto Medici e dai suoi stretti collaboratori Giuseppe Zariatti e Antonio Guidali, per divulgare il bilancio consuntivo 2014 del Comune e parlare dei progetti in cantiere per il futuro. L’incontro con i media – lunedì mattina – è stato voluto per fare il punto e in vista della seduta di Consiglio comunale che si è svolta ieri sera.

 

“Il consuntivo 2014 presenta un risultato molto positivo che possiamo riassumere in questi quattro parametri: un utile di 540 mila franchi, un capitale proprio che viene ad attestarsi a quota 4,96 milioni, il debito pubblico pro capite che scende a 3’502 franchi in linea con la media cantonale (alcuni anni fa era oltre i 5 mila franchi), ed un gettito fiscale molto stabile e pari a 5 milioni e mezzo di franchi”. Il quadro dipinto dal sindaco è abbastanza idilliaco soprattutto se si considera che il moltiplicatore d’imposta è stabile da quasi 20 anni all’85%. “Questa stabilità si riflette su quello che possiamo offrire ai nostri cittadini” commenta Fausto Medici sottolineando come a Riva San Vitale si sia capita l’efficacia del lavorare insieme pubblico-privati. “Riva ormai si delinea come un comune residenziale e turistico – ha aggiunto – abbiamo appena acquisito e inaugurato il parco rivalago (5mila metri quadrati di spazio di svago per tutti). Sono tutti valori aggiunti. Poi possiamo citare la sinergia del Comune con la promozione dello sviluppo a fronte-lago. In vista abbiamo anche la realizzazione del collegamento fra Piazzale a lago ed il lido comunale”. A queste novità, si sommano iniziative private come l’apertura fra un paio di mesi di un bed & breakfast in Piazza (8 camere doppie) e la riapertura il prossimo anno del Ristorante Terminus a Poiana. Sarà un locale di qualità e manterrà la terrazza a lago come pure tutte le piante che impreziosiscono e rinfrescano il ristorante. Inoltre la spiaggetta situata a lato del locale sarà fruibile al pubblico. Tornando ai progetti pubblici, il sindaco Medici ha annunciato che fra un paio di settimane verrà pubblicato il bando di concorso per la nuova urbanizzazione della Piazza. I lavori avranno inizio nel 2016 e si prevede 1 milione d’investimento.

• Riva è un’eccellenza nel Mendrisiotto
“Il Comune di Riva San Vitale – è stato il commento del sindaco – si caratterizza come un’eccellenza nel Mendrisiotto. Grazie alle numerose iniziative che portiamo avanti ed alle strutture che offriamo, possiamo far crescere l’attrattività del paese. Senza contare che nel 2020 si potrà percorrere in treno la tratta Riva San Vitale-Zurigo in un’ora e 40”. Insomma avete consolidato la vostra vocazione residenziale-turistica senza partecipare alle cordate? La scelta di non aggregarsi alla Città o ai comuni vicini, fino ad oggi non sembra aver penalizzato i rivensi… tuttavia il 2016 presenta alcune incognite.

• Le incognite del 2016
“Bisognerà fare attenzione nella gestione ordinaria delle risorse – è la riflessione di Fausto Medici – poiché ci saranno ulteriori costi indotti. Ad esempio quello per il servizio di Polizia: fino ad oggi pagavamo 150 mila franchi annui ma dall’anno prossimo ne pagheremo 250 mila nella convenzione con il Corpo comunale di Mendrisio. L’idea è quella di avere sul territorio un assistente di Polizia che sia impegnato all’85% a Riva e al 15% a Brusino. Inoltre, la mancanza dei bambini di Capolago nella nostra sede scolastica, causerà un minor introito pari a 80 mila franchi”. Un altro “nodo” in sospeso da anni concerne le mancate entrate fiscali da parte delle 23 famiglie che lavorano al casinò di Campione.

• Regolamento dipendenti, si cambia dopo 30 anni
Un nuovo Regolamento organico dei dipendenti è stato adottato ieri sera dai consiglieri comunali del paese. Il documento aveva già ricevuto l’“ok” del Municipio e delle commissioni. Il nuovo Regolamento va a sostituire il vecchio che è in vigore ormai da 30 anni. Un cambiamento che si è reso necessario per l’introduzione – con il passare del tempo – di nuove figure professionali attive in seno al Comune. Qualche esempio? Il responsabile del Centro diurno oppure l’assistente di Polizia.

• Se acquisti in paese, benefici di sconti
Un po’ sull’esempio di Coldrerio, anche a Riva San Vitale è stata sollevata la proposta di sussidiare gli acquisti di generi alimentari effettuati nei negozi del Comune dai cittadini domiciliati e residenti a Riva. L’idea è stata portata in Consiglio comunale dalla mozione di Salvatore Civile (Ppd). Nel dettaglio, la proposta del consigliere – discussa ieri sera in seduta – chiedeva che venisse concesso uno sconto del 2% (a carico del Comune) su una lista di prodotti di prima necessità. Non solo. Un ulteriore sconto del 2% – suggerisce Civile – potrebbe esser concesso dal proprietario del negozio che vorrà convenzionarsi con il Comune. L’idea è quella di favorire la filosofia del km zero e l’economia locale. Sia la Commissione delle petizioni che la Gestione invitavano ad accettare la proposta che ha – fra l’altro – ricevuto il preavviso favorevole dell’Esecutivo secondo cui un tetto massimo di spesa a carico del Comune potrebbe essere quantificato in 20 mila franchi annui.