Luca Bernaschina: che esordio!

0
1728

• Gran bella prestazione per Luca Bernaschina, fresco fresco ventenne! L’atleta dell’ASSPO Riva San Vitale ha battagliato e gareggiato come un leone, portando a casa ben 4 primati personali, in un decathlon dal clima infuocato. C’erano infatti 40 gradi sabato e domenica a Inowroclaw, la cittadina polacca dove Luca ha difeso i colori svizzeri con la nazionale.

 

Le dieci gare hanno inizio con i 100m, prima batteria e vento contrario, tempo 11”48, non male per rompere il ghiaccio. Poi si passa al salto in lungo, Luca inizia bene e termina ancora meglio: 7.31 nuovo record stagionale e terza prestazione assoluta della giornata. Nel lancio del peso, dopo un primo lancio nullo, il rivense “tira fuori” dal cilindro magico un discreto 12.41. E già si passa alla quarta disciplina, il salto in alto, dove raggiunge la buona misura di m 1.92. L’1.95 è vicino e prima o poi arriverà! Dopo una breve pausa per riposare un po’ le gambe, si riprende con il “giro della morte”, i 400m corsi nel nuovo personale di 50”85 (finalmente sotto i 51 secondi). La prima giornata si conclude in undicesima posizione. Non male per un neofita.

La seconda giornata inizia alle 9.20 con i 110m ostacoli, roba da spaccarti in due se il riscaldamento muscolare non è ben riuscito, a queste ore del mattino. Subito sui blocchi e subito all’arrivo in un buon 15”25. Si prosegue  con il lancio del disco, nullo il primo che finisce sulle reti di protezione, e poi un bel nuovo record personale con m 38.18. Il salto con l’asta è un po’ l’incubo di Luca, una disciplina nuova nuova che mette sempre un po’ di ansia. Anche in questa prova Luca inizia con un salto nullo a m. 3.80, ma poi si riscatta e prosegue spedito fino al nuovo record personale di m 4.30 superato già al primo tentativo.
Dopo aver passato due ore sotto il sole e spendendo energie per il salto con l’asta, è tempo di raggiungere la pedana del lancio del giavellotto, dove un leggero infortunio al gomito, pregiudicato un po’ la prestazione del rivense che raggiunge comunque un discreto 44.42.
L’ultima disciplina di questa due giorni infernale sono i 1500m  corsi assieme ai compagni di squadra, li porta a termine con il nuovo record personale in 4’46”61.

Riassunto della trasferta: prima convocazione della nazionale maggiore, primo posto del Team che permette alla Svizzera di raggiungere in Super League, nazioni quali Francia, Germania, Russia, diciamo la crème dell’atletica Europea. Primo assaggio vero e proprio di un decathlon da “uomini”, che solo quelli veri riescono a portare a termine. Insomma, questo esordio  è stato senza dubbio una gran bella esperienza per Luca Bernaschina, un giovane che di strada può farne ancora molta.