Tre giorni con la dea del benessere

0
1461

Crearsi uno stile di vita migliore si può. Al via quest’oggi 6 marzo la prima edizione di IGEA, fiera del benessere che ospita al Mercato coperto 50 espositori attivi nel settore della cura, dell’estetica, dell’alimentazione, della danza, della postura, dell’ecologia, dei prodotti naturali e bio.

 

L’inaugurazione di questo evento dedicato all’armonia fra mente e corpo è annunciata per le 18 con un aperitivo, la presentazione della mostra fotografica “Respiro della natura” di Lydia Stadler Centonze e – a partire dalle 20 – uno spettacolo di danza contemporanea e Tip Tap a cura di Vivere Ballando. La fiera riaprirà domani sabato 7 marzo e sarà fruibile dalle 10 alle 21 e poi ancora domenica 8 marzo dalle 10 alle 19. Gli organizzatori – in prima linea due società del Mendrisiotto ossia Ril Eventi e GesComTrade che si occupano principalmente di comunicazione – hanno scelto di proporre la fiera a ingresso gratuito.

Perché chiamare IGEA una fiera del benessere? La risposta giunge dalle due ideatrici dell’evento, Roberta Donadini di Ril Eventi Sagl, e Serenella Costa Valle di GesComTrade Sagl: “Nella mitologia greca questo nome era attribuito ad una dea della salute che aveva dato da bere ad un serpente con il calice della salvezza. Ed ecco spiegato anche il logo della fiera (cfr. pagina 1) realizzato dal giovane grafico Alessandro Grandi sull’ispirazione di un’opera d’arte di Gustav Klimt: il logo riproduce la coda del serpente”. Il concetto attorno al quale ruota la prima edizione di Igea a Mendrisio è dunque la ricerca di un’armonia fra corpo e mente e tutto quello che si può scoprire per stare bene e crearsi una qualità di vita migliore. In tempi di crisi economica, difficoltà relazionali e problematiche globali, occorre trovare momenti di attenzione per ciò che distende, può infondere nuove energie ma anche servizi e prodotti che possano avere una reale rispondenza ai valori in cui si crede. Ebbene, IGEA nasce dal desiderio di far incontrare l’offerta (in Ticino sono molte le attività sia individuali che aziendali che operano in questo campo) e la domanda da parte del pubblico che a sua volta non fa che crescere.
Gli espositori saranno 50, la maggior parte dei quali sono attivi nel territorio del Mendrisiotto, qualcuno nel Luganese e tre oltre confine. Grazie alla collaborazione della Società Commercianti del Mendrisiotto (rappresentata da Paolo Pellegrini) e dalla Società Commercianti & Artigiani di Mendrisio (per la quale è sul fronte Alan Zuccolo), è stata creata anche una collettiva con 10 dei loro associati. In questo modo, anche piccole realtà locali possono partecipare e usufruire di quest’importante vetrina patrocinata dal Comune e dall’Ente Turistico del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Da segnalare che all’interno della fiera, nel ristorante Dagostino, si potranno gustare pietanze cucinate con prodotti biologici, a pranzo e a cena, nei tre giorni di fiera. Il servizio bar sarà invece garantito dal FC Mendrisio. Sarà inoltre a disposizione delle famiglie il cerchio delle doule ovvero un’area mamme-bimbi per allattare o cambiare i piccoli. Ma ecco un assaggio degli appuntamenti in programma. Dopo l’inaugurazione di oggi (cfr.  pagina 1), sabato mattina dalle 10.30 si potranno “Risolvere le 5 ferite” con Cristina Barizzi, biotrainer. Poi sarà la volta della BDY Dance School con la Kizomba (una performance alle 14). Sabato pomeriggio spazio dalle 15.15 all’Aloe, poi intervento di Dagostino sulle proprietà benefiche delle patate. Fra i vari appuntamenti segnaliamo l’atelier della bellezza con il dottor Gioacchino Prestigiacomo domenica alle 15.45 e, sempre domenica, alle 12.15 il maestro Vincenzo Montana che illustrerà il passaggio dagli aggiustaossa al riequilibrio posturale.
Il programma esaustivo degli argomenti trattati e l’elenco degli espositori è indicato nel sito www.ideafiera.ch.