Fossili, quei “Tesori nascosti”

0
58

• (red.) Gigantografie di fossili marini dal forte carattere estetico – oltre che scientifico – presentate secondo un’accattivante elaborazione grafica, rappresentano elementi di grande fascino nell’ambito della mostra fotografica Tesori nascosti che si aprirà il prossimo 28 aprile al Museo dei fossili del Monte San Giorgio a Meride.

La mostra nella suggestiva corte sarà una delle principali novità del nuovo programma delle manifestazioni primaverili ed estive allestite con la Fondazione del Monte San Giorgio. Le gigantografie sono state realizzate dal fotografo Franco Banfi, mentre l’elaborazione grafica è firmata dallo studio theredbox e permetterà di vedere i fossili da una prospettiva del tutto innovativa.
Con l’arrivo della bella stagione, il Museo dei fossili introdurrà anche l’iniziativa Monte San Giorgio FOR KIDS con appassionanti corsi e laboratori didattici rivolti ai ragazzi; di mercoledì pomeriggio, sabato e domenica i giovani visitatori potranno trasformarsi in paleontologi e scoprire questa intrigante professione.
Il programma comprende anche quest’anno escursioni guidate, tra cui quelle in collaborazione con il Parco delle Gole della Breggia e il Parco della Valle della Motta. Si “srotolerà” il filo logico della storia della Terra osservando rocce e fossili del Mendrisiotto. Il 24 maggio è in programma una gita al sito Unesco Jungfrau-Aletsch di Naters (VS), mentre per il 26 agosto è in calendario un’escursione guidata alla scoperta della geologia tra Serpiano e Meride. Infine, sabato 15 settembre, verrà proposto l’affascinante percorso “Meride villaggio di pietra” tra vicoli e corti dell’antico borgo.
Il Tanistrofeo, il rettile più enigmatico e curioso dei giacimenti triassici del San Giorgio, sarà al centro dell’intervento che il prof. Silvio Renesto terrà l’8 settembre. Tra le giornate a carattere internazionale, spicca, domenica 13 maggio, la Giornata Internazionale dei Musei. Il 10 giugno, in occasione delle Giornate del patrimonio mondiale, grandi e piccini scopriranno i segreti della paleontologia.
Le novità comprendono infine, il 26 maggio, un concerto jazz intinerante che si concluderà con una cena sulla piazza del paese.
Altri progetti sono in fase di elaborazione, come un’audioguida e un percorso didattico per ragazzi e un’aula didattica nel bosco, a pochi passi dal nucleo, sopra il torrente Gaggiolo, chiamata “Terrazza della Val Mara”. Informazioni su www.montesangiorgio.org.