Bi10: le città specchio della società

0
70
Susciterà interesse l'esposizione Humanae di Angelica Dass.

Fotografi e artisti guardano alla città come a un osservatorio privilegiato delle trasformazioni in corso. Città che sono al centro dell’attenzione della cronaca quotidiana, scosse da attentati e da tensioni sociali, meta di flussi migratori, testimoni di una distribuzione della ricchezza squilibrata. Città divise /Città plurali che sono al centro della decima Biennale dell’immagine, intiolata non a caso Borderlines, che aprirà i battenti domani, 7 ottobre, a Chiasso per concludersi il 10 dicembre, passando per esposizioni, incontri, proiezioni in tutto il Ticino, lungo un percorso che dal confine continua verso nord.

L’inaugurazione avrà luogo domani alle 18 al Cinema Teatro. Alle 19 è prevista la vernice, al vicino Spazio Officina, della mostra Michael Wolf – Life in Cities, un progetto realizzato in collaborazione con i prestigiosi Rencontres de la photograpie di Arles e l’autorevole Fotomuseum dell’Aia.
Il percorso della Bi10 si snoda nel segno della diversità. La prima tappa apre un varco alle frontiere. Alle 10, presso Spazio Lampo in via Livio 16 a Chiasso, inizerà la sua attività il Consolato Generale dei regni di Elgaland-Vargaland. Sempre sabato mattina, alle 11, alla Fondazione Rolla di Bruzella, si inaugura la mostra American Dream che raccoglie immagini di importanti autori internazionali appartenenti alla collezione privata di Rossella e Philip Rolla.
Nel pomeriggio i tracciati si incontrano e diventano rete. Alle 15 aprono contemporaneamente quattro diverse esposizioni, ognuna delle quali affronta in modo originale e complementare il tema proposto da Bi10. Alla Cons Arc espone Filippo Brancoli Pantera con Into the Landscape (vernice alle 15).
La metropoli simbolo della divisione del XX secolo, Berlino, è invece al centro dell’esposizione Berlin. Moving Still – alla Sala Diego Chiesa – con approcci e linguaggi differenti di quattro artisti visivi: Giuseppe Chietera, Roberto Mucchiut, Domenico Scarano e Fabio Tasca (l’esposizione apre alle 15, l’inaugurazione è in agenda alle 17).
L’ex Bar Mascetti di Corso San Gottardo 5 ospita Al limite e presenta i lavori di Paola di Bello e Giacomo Bianchetti (apertura alle 15) che grazie alle loro diversità culturali, estetiche e generazionali, assicurano al tema una pluralità di approcci.
È infine aperta (24 ore su 24, 7 giorni su 7), nella piazzetta di fronte alla Sala Diego Chiesa, l’esposizione Humanae di Angélica Dass, un progetto di Chiasso_culture in movimento che ha visto la partecipazione di volontari di ogni età, protagonisti di ritratti molto particolari.
La Biennale dell’immagine continuerà il suo percorso domenica 8 ottobre con un programma altrettanto intenso. A iniziare dall’inaugurazione della mostra dedicata ai lavori di Oliviero Toscani che si aprirà, alla presenza del fotografo italiano, alle 17.30 al m.a.x. museo; i saluti si terranno nella sala del Cinema Teatro (cfr. a pagina 13).
Domenica mattina, dalle 10, Spazio Lampo/Associazione Grande Velocità di Chiasso proporranno “Annessione della scala del paradiso”, passeggiata e pic-nic lungo il confine con i Re (prenotazioni su spaziocondivisochiasso@gmail.com). Alle ore 11, a Casa Pessina di Ligornetto si terrà invece l’inaugurazione di Parhélie di Daniela Droz, artista ticinese residente a Losanna che presenta un progetto fotografico dedicato alla poetessa Emily Dickinson (la mostra sarà accessibile fino al 12 novembre, sabato e domenica dalle 14 alle 18).
Nel pomeriggio, alle 15, presso la pensilina dei magazzini ferroviari di Chiasso, ci sarà la presentazione del libro fotografico di Gian Paolo Minelli per i 50 anni di Hupac: l’introduzione sarà curata da Bernhard Kunz, Managing Director di Hupac Group.
Sono numerosi anche gli eventi che fanno da cornice alla decima Biennale dell’immagine. Martedì prossimo, 10 ottobre, alle 18.30, alla Biblioteca dell’Accademia di architettura di Mendrisio si terrà l’inaugurazione di Tangenziali, sopraelevate e viadotti. L’archivio fotografico della IN.CO. SpA.
Giovedì 12 ottobre, tra le 17 e le 21, la Casa d’Arte Miler di Capolago ospiterà l’inaugurazione di La quinta stagione di Tonatiuh Ambrosetti. Allo Studio CCRZ di Balerna, alle 18, si aprirà infine Unmap me di Ramak Fazel e Joe Zaldivar.