245 milioni entro il 2021 per la stazione di Chiasso

0
164
Ecco come sarà la nuova veste dello scalo chiassese.

Entro il 2021 la stazione di Chiasso si presenterà con una nuova veste. A distanza di un mese dall’inizio dei lavori, le FFS hanno convocato i media giovedì mattina per illustrare i contenuti di quello che si annuncia come un mega-cantiere. Le cifre parlano da sole: 245 sono i milioni di investimento previsti per il pacchetto di misure e 4 sono gli anni della durata dei lavori. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Claudio Zali a capo del Dipartimento del territorio, il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni e Roberta Pantani, presidente della Deputazione ticinese a Berna.

Lo scorso mese di settembre hanno preso il via i lavori di rinnovo e ampliamento della stazione FFS di Chiasso Viaggiatori e Smistamento. L’obiettivo è quello di adeguare la struttura intera ai futuri standard per i clienti del traffico merci e passeggeri. Il progetto chiassese rappresenta uno dei tasselli-chiave in funzione della messa in esercizio della Galleria di base del Monte Ceneri. Una volta ultimati i lavori – hanno riferito Stefano Ardò e Gianluca Fontana, rispettivamente delegato FFS Infrastruttura – Regione Sud e capo progetto per l’Organizzazione Progetti FFS Asse Nord-Sud – la stazione offrirà alla clientela importanti vantaggi quali collegamenti più veloci, più frequenti, accessi ai treni facilitati e più comodi e l’abbattimento delle barriere architettoniche per i disabili.
L’asse nord-sud del San Gottardo è una delle tratte di transito alpino più importanti in Europa. Storicamente la stazione di Chiasso ha svolto il ruolo di porta d’entrata dall’Italia sull’asse nord-sud per i convogli merci e viaggiatori. I lavori iniziati lo scorso mese a Chiasso sono pertanto fondamentali per far sì che, in seguito all’aumento di traffico merci e passeggeri generato dall’apertura della galleria di base del San Gottardo e dalla futura galleria di base del Monte Ceneri, l’orario pianificato e la qualità del servizio alla clientela siano assicurati.

• Interventi per merci
e passeggeri
I lavori andranno a beneficio dei passeggeri e del traffico-merci. Nell’ambito dei passeggeri, sarà notevolmente aumentato il confort grazie a sistemi informativi di ultima generazione, oltre a nuovi arredi. I marciapiedi saranno rinnovati e adattati agli odierni standard così da renderli conformi alla Legge per i disabili con accesso ai treni senza ostacoli. Il marciapiede centrale sarà inoltre ampliato. Grazie all’innovativo sistema di transizione dinamica sui binari 2 e 3, i treni passeggeri potranno circolare senza doversi fermare. Ciò avrà effetti positivi sui tempi di percorrenza dei treni internazionali. Le pensiline saranno sostituite con strutture moderne e sarà realizzato un sottopassaggio con accesso a via Dunant che collegherà in modo rapido la stazione al Quartiere Soldini e al centro città.
Per quanto riguarda invece il traffico merci, i rappresentanti delle Ferrovie hanno annunciato che 5 binari saranno allungati a 750 metri così da aumentare la capacità, la flessibilità e la produttività dello scalo di Chiasso. Sarà inoltre completata l’elettrificazione dei binari presso il Fascio U per le partenze in direzione sud. La stazione di Chiasso Viaggiatori sarà automatizzata e gestita dalla Centrale di Esercizio di Pollegio.

• Le 5 fasi per i lavori
– esecuzione del nuovo apparecchio centrale elettronico (dall’aprile 2016 all’aprile 2019)
– marciapiede lato fabbricato viaggiatori (da settembre 2017 ad aprile 2018)
– marciapiede intermedio (da maggio 2018 a luglio 2019)
– messa in servizio transizione dinamica (il 13 dicembre del 2020)
– nuovi binari 750 metri (da maggio 2019 a fine 2021).