Ecco la Sagra del Borgo

0
310

• (red.) È il comandante della Polizia cittadina Patrick Roth, durante la presentazione della Sagra del Borgo, a svolgere l’intervento più stringato: “La polizia sarà visibile, molto visibile per prevenire azioni ostili alla manifestazione, dall’insudiciamento ad eventi maggiori”. Poche parole, che non vogliono suonare come una minaccia ma, al contrario, mostrano quanto la Polizia condivida lo spirito del comitato, intenzionato a mettere in scena una sagra vissuta soprattutto di giorno dalle famiglie, dai bambini, dai giovani e dagli anziani. E che non abbia code “di pubblico sbrago”, dice il presidente Massimo Tettamanti e membro della Vineria dei Mir.
Il riferimento è soprattutto all’orario notturno. Il quale, per quanto riguarda la sagra, finisce alle ore 24. A quell’ora la mescita nelle corti e negli altri luoghi della sagra dovrà terminare, all’una bisognerà chiudere, mentre gli esercizi pubblici potranno prolungare l’orario fino alle 2, ben contenti di lavorare ancora un po’.
La stretta sull’orario era stata criticata nei mesi scorsi, quando era stata annunciata la Sagra del Borgo; ma sono passati diversi mesi e il comitato sostiene di aver ricevuto molti incoraggiamenti, sia riguardo all’orario ridotto di un’ora, che al maggior riferimento alle tradizioni.
Ed è su questo aspetto che Tettamanti, con i suoi colleghi Sebastian Arcidiacono (FC Mendrisio) e Giuseppe Vizzardi (Civica), portano l’attenzione della stampa, convocata nella Curt di Poo. “Abbiamo ricevuto il mandato da parte del Municipio: lo stiamo assolvendo lavorando tanto, incontrandoci ogni settimana, con impegno e passione. Saranno i risultati, poi, e non le parole, a dirci se ci siamo riusciti”, afferma il presidente. Vizzardi elenca le presenze musicali: una “big band”, tre bandelle, un insieme di mandolini, due cori, gruppi jazz, gruppi popolari, una band tipo “brass”. Gli aspetti logistici sono curati da Arcidiano: l’entrata costerà 8 franchi ogni sera, i biglietti saranno venduti nelle usuali 6 casse, incluso il titolo di trasporto. Il treno verso nord partirà all’1.36, i bus venerdì e sabato sera alle 24.17. Una navetta per chi arriva con l’auto partirà dal posteggio di S. Martino.

Per i bambini
I bambini avranno a disposizione in Piazzale alla Valle i gonfiabili e altri giochi; riceveranno un buono per lo zucchero filato. Nel medesimo luogo, nella galleria, ci sarà la Società artigiani. Altra nuova persenza in questo luogo il Tavolino Magico che gestisce, come noto, il riutilizzo di cibi in scadenza.
La sicurezza, oltre alla già citata Polizia cittadina, sarà garantita dai Pompieri, dal SAM e da società private di vigilanza.
La musica in Piazza del Ponte, “moderna e giovane” sarà gestita da 5 società; programma che lascerà il posto ai concerti quando sarà il momento. Le vetrine dei negozi saranno visibili. 10 le corti, 10 i punti di ristorazione, altri 7 quelli con posti a sedere e cibi d’asporto.

Dare una svolta
“Tutto è stato fatto affinché la manifestazione sia di assoluto successo”, aggiunge Samuel Maffi, vicesindaco, a nome del Municipio; autorità che ha voluto “dare una svolta” sperando che trovi buona accoglienza da parte della popolazione. L’amministrazione comunale ha lavorato insieme al comitato, con il coordinamento del segretario Massimo Demenga. La Sagra del Borgo ha il sostegno dell’Organizzazione turistica regionale: la direttrice Nadia Lupi sottolinea lo sforzo per riposizionare la Sagra, mettendo in rilievo aspetti che pure l’OTR propone ai turisti, quali la tradizione e l’enograstronomia tipica del territorio.