Syndicom in tour negli uffici postali a rischio

0
309

Inizia oggi dal Mendrisiotto il tour di Syndicom Ticino in 48 uffici postali a rischio chiusura entro il 2020. Il sindacato intende in questo modo stare al fianco dei lavoratori della Posta e sensibilizzare la popolazione e le autorità comunali. Stamattina è in corso una conferenza stampa di Syndicom a Balerna. Il tour è iniziato alle 9 a Morbio Superiore.

Il tour di Syndicom in visita agli uffici postali a rischio chiusura, inizia questa mattina dal Mendrisiotto. Come abbiamo segnalato a pagina 1, la prima tappa è prevista a Morbio Sopra e la seconda a Balerna dove viene pure indetto l’incontro con la stampa. Nel primo pomeriggio il sindacato si sposterà a Vacallo, poi a Rancate, Genestrerio, Maroggia e Melide.
Il programma del tour prevede altre 8 giornate fra Luganese e Sopraceneri. Lo scorso 14 giugno, la Posta Svizzera SA ha annunciato quali sono i 48 comuni dove l’ufficio postale è a rischio chiusura entro il 2020. L’incombente ondata di nuove chiusure di uffici “gialli” – scrive Syndicom in una nota – è senz’altro fonte di preoccupazione da parte della popolazione. In Parlamento federale sono state lanciate due mozioni che chiedono una revisione della legge sulle Poste. “Tuttavia questi sforzi – si legge nel comunicato – rischiano di cadere nel vuoto poiché la Posta ha accelerato il processo in atto per imporre le chiusure ancor prima della revisione della legge sulle Poste”. Ma secondo Syndicom non è ancora troppo tardi: l’11 settembre inizierà la sessione autunnale del Consiglio Nazionale durante la quale si dibatterà anche sulla moratoria volta a sospendere la chiusura degli uffici postali. Ai municipali dei Comuni coinvolti viene dunque chiesto di contattare i “loro” deputati ticinesi alle Camere federali per sensibilizzarli.