E i giochi dell’Asilo Sud?

0
64

(red.) Chi ha fatto l’affare? I bambini di Mendrisio o la TDS Real Estate SA, di Chiasso? L’Asilo Sud, in Via Campo sportivo, non è in una gran bella posizione. Quando venne inaugurato il 20 dicembre 1972, al servizio delle famiglie che andavano ad abitare i palazzi in costruzione in quegli anni, sulla strada non passava di sicuro il traffico di oggi, così intenso e anche veloce da costringere il Comune a costruire dei rallentatori. La popolazione è tuttavia rimasta affezionata a quest’oasi verde che si affaccia sulla strada e vede con preoccupazione le modinature che spuntano in mezzo ai giochi dei bimbi. Così, nei giorni scorsi, è stata fatta circolare, da alcuni cittadini, una petizione: il Municipio non venda o non ceda a privati parte del giardino; “l’interesse generale di mantenerlo nella sua configurazione attuale deve prevalere sull’interesse del privato a costruire”. La richiesta, con circa 300 firme, è stata consegnata al Municipio venerdì 14 luglio.
Sono stati due consiglieri comunali dei Verdi, Tiziano Fontana, capogruppo, e Claudia Crivelli Barella a lanciare l’allarme con un’interrogazione datata 21 giugno. La società citata intende costruire un edificio con 19 appartamenti, 24 posti auto al piano interrato e altri 6 esterni; è proprietaria di un fondo, il numero 1268 che in parte è vincolato nel Piano regolatore per un eventuale ampliamento della scuola dell’infanzia.
La trattativa riguarda la permuta di una superficie di 550 mq. Il Comune cede al privato parte del giardino dell’asilo dove tra le altre cose c’è la mini pista circolare per i tricicli e le biciclettine. Il privato cede al Comune parte del terreno, ora incolto, vincolato per l’ampliamento, dove potrebbero presumibilmente essere trasferiti i giochi. Valore: 160 fr al mq. Quella venduta al Comune, precisano i Verdi, “è un’area più vicina a Via Campo sportivo, strada di intenso e continuo traffico”; l’area di proprietà pubblica con sopra i giochi ceduta in cambio al privato è ben più arretrata rispetto alla strada ed è parte “del parco ora destinato ai bambini, ricco di importante e salubre vegetazione, con tigli e magnolie ad alto fusto”.