La ricca mensa di Spoerri

0
683

(red.) “Nella vita io non ricerco le soddisfazioni: queste, se vogliono, arrivano da sé; credo molto nella casualità delle cose: se vogliono succedere, avvengono. In questi mesi sono state richieste mie esposizioni a Berlino, Amburgo e Firenze. Continuo a viaggiare, nonostante la mia età, divulgo il mio concetto artistico con la continua voglia di pormi domande”. Così Daniel Spoerri, classe 1930, fondatore della Eat Art, protagonista della mostra allestita in questi mesi, fino alla fine di agosto, al Max Museo di Chiasso, risponde alla domanda di Nicoletta Ossanna Cavadini “lei ha raggiunto molte soddisfazioni, quali ricorda con maggiore piacere?”.



Questo contenuto è riservato ai membri del sito. Se sei un utente esistente, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Utenti collegati esistenti
   
Nuova Registrazione Utente
* Ti preghiamo di accettare le Condizioni di Servizio
*Campo obbligatorio