Dalle banche ai furetti

0
471

• (p.z.) “Solo a sentire la radio, ogni mattina, quando annuncia traffico fermo in direzione di Manno… mi sento sollevato. Se penso che io posso venire al lavoro in bici!”. Tira un sospiro di sollievo, Giorgio Morelli, mentre si accinge a raccontare la sua storia, che nella prima parte assomiglia a quella di molti altri.



Questo contenuto è riservato ai membri del sito. Se sei un utente esistente, effettua il login. I nuovi utenti possono registrarsi qui sotto.

Utenti registrati
   
Nuovo utente?
*Indicare l'accettazione delle condizioni di servizio TOS
*Campo obbligatorio